Grandi libri del ‘900 che compiono gli anni nel 2018

a cura di Redazione Oscar

2018: 10 libri-icona del '900 che compiono gli anni

Tra i libri-icona del Novecento pubblicati negli Oscar Moderni tanti compiono gli anni nel 2018.
Ne abbiamo selezionati quattro di nostri scrittori italianisei della letteratura mondiale.

2018: gli italiani

1908: compie 110 anni L'esclusa di Luigi Pirandello, romanzo ancora attualissimo per il tema trattato. Nella vicenda, apparentemente tutta siciliana, è già prefigurato uno dei più dolenti e irredimibili nuclei della narrativa pirandelliana e del Novecento: l’emarginazione e l’estraneità del singolo al contesto sociale, fino alla sua cellula base, il nucleo familiare, che finisce per pararglisi contro quale realtà altra e nemica.

1958: compiono 50 anni i Sessanta racconti di Dino Buzzati - vero mago della composizione breve - nei Sessanta racconti spazia tra meraviglioso, favoloso e immaginario, e traduce in gioco, tragedia o mistero le situazioni apparentemente più banali o scontate.

1968: compie 40 anni, ma sembra scritto oggi, La memoria del mondo di Italo Calvino, nel quale, con un anticipo sorprendente, pone il problema della verità dei dati oggi disponibili in Rete e delle informazioni che i governi e le loro agenzie raccolgono su ognuno di noi per le tracce digitali che ormai ci lasciamo dietro ogni giorno.

1968: ancora Buzzati con la raccolta di racconti La Boutique del mistero: momenti di indagine profonda ed emozionante in un’atmosfera magica. Poche volte, nella letteratura italiana, uno scrittore ha esplorato così a fondo il mistero che circonda l’uomo, le debolezze e i paradossi che lo caratterizzano, la sua solitudine, le sue esperienze.

2018: gli stranieri

1908: come L'Esclusa, compie 110 anni anche Camera con vista di Edward Morgan Forster, dal quale è stato tratto nel 1985 un celebre film vincitore di 3 premi OscarRaccontando la contrastata vicenda sentimentale di Lucy e George, Forster affronta uno dei suoi temi preferiti: quello del “cuore non sviluppato” e della lacerazione tra perbenismo ed emotività. È l’anima stessa dell’Inghilterra a essere sotto accusa: un’anima nordica, gotica, puritana, provocatoriamente contrapposta allo spirito mediterraneo, gioioso, pagano e “rinascimentale” che i due protagonisti respirano a Firenze.

1928: compie 90 anni Orlando di Virginia Wolf: in questo coraggioso romanzo traspare la capacità unica e innovativa dell’autrice di narrare, attraverso il punto di vista sia maschile che femminile, tutte le esperienze della vita, partendo dai sentimenti più intimi, come l’amore, i rapporti famigliari, il senso del decoro e dell’orgoglio, la sessualità, passando per la politica, l’avventura, lo scontro con le convenzioni sociali. Una pietra miliare della letteratura.

1938: compiono 80 anni i Quarantanove racconti di Hemingwayconsiderati fin dal loro apparire una delle opere fondamentali dell'autore, forse il punto più alto e rappresentativo della sua inconfondibile tecnica narrativa.

1938: anche Omaggio alla Catalogna di Orwell compie 80 anni. Uno dei più importanti reportage della guerra civile spagnola, il libro rappresenta, nella formazione politica e intellettuale dello scrittore, un momento cruciale, in cui matura in lui un sistematico rifiuto del totalitarismo.

1958: compie 60 anni Il nostro agente all'Avana di Graham Greene: pubblicato in piena Guerra Fredda, Greene racconta della pericolosa avventura di Jim Wormold – un uomo qualunque nel ruolo intrigante e misterioso della spia – e crea una perfetta sintesi di satira, humour inglese e pungente polemica sociale.

1958: anche I Vagabondi del Dharma di Jack Kerouac compie 60 anni. Seguito ideale di Sulla strada, racconta le avventure dei beatnik impegnati nella ricerca, disordinata ma sincera, di una nuova verità che Kerouac e i suoi identificano con il Dharma dei buddhisti, il fine ultimo dell’universo e della vita.

2018: gli stranieri