Caporetto: cent’anni fa

a cura di Redazione Oscar

Alle due del mattino del 24 ottobre 1917 un fittissimo attacco dell’artiglieria austro-germanica dà inizio alla dodicesima battaglia dell’Isonzo, che passerà alla storia come la rotta di Caporetto. In seguito alla sfondamento del fronte, le truppe italiane sono costrette a ritirarsi fino alla nuova linea di difesa, stabilita lungo il corso del Piave, dove si attestano il 12 novembre.

Gigantesco esodo di militari in rotta e di civili in fuga, la ritirata di Caporetto è raccontata da Ernest Hemingway nei capitoli centrali di Addio alle armi.

Episodio-chiave della Prima guerra mondiale sul fronte italiano, la rotta di Caporetto è costantemente oggetto di analisi storiografica e di studio da parte degli storici. Nell’immaginario collettivo è stata una disfatta così tragica che a distanza di cent’anni nella nostra lingua italiana ancora oggi si usa dire “E’ stata una Caporetto” per indicare una pesante sconfitta, un grave scacco, una capitolazione.

Scopri i romanzi e le poesie sulla Prima Guerra Mondiale

Scopri i saggi e i documenti sulla Prima Guerra Mondiale