Buon compleanno, Calvino!

a cura di Redazione Oscar

Buon Compleanno!

Il 15 ottobre è il compleanno di Italo Calvino: nato nel 1923, avrebbe oggi 94 anni.



Compiono gli anni anche alcuni dei suoi libri:

Il sentiero dei nidi di ragno, pubblicato nel 1947

Il barone rampante, pubblicato nel 1957

Ti con zero, pubblicato nel 1967.

Ma il compleanno più originale che si festeggia quest’anno riguarda il protagonista del Barone rampante, Cosimo Piovasco di Rondò.

Esattamente 250 anni fa – per gli amanti della precisione il 15 giugno del 1767 – Cosimo iniziava la sua vita sugli alberi dopo aver dichiarato:

«E io non scenderò più!»

Se ne parla in un grande convegno internazionale che si terrà a Milano il 18 e 19 ottobre.

Ecco la locandina del convegno:



 

Il barone rampante

Italo Calvino

«Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all'altra, decide che non scenderà più. Trascorre l'intera vita sugli alberi, una vita tutt'altro che monotona, anzi: piena d'avventure, e tutt'altro che da eremita. Questo ragazzo che si rifugia sugli alberi vuol essere un eroe della disobbedienza, una specie di Gian Burrasca sullo sfondo della burrasca di tutto ...

Scopri di più

Italo Calvino parla del "Barone rampante":

«Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all’altra, decide che non scenderà più. L’Autore di questo libro non ha fatto che sviluppare questa semplice immagine e portarla alle estreme conseguenze: il protagonista trascorre l’intera vita sugli alberi, una vita tutt’altro che monotona, anzi: piena d’avventure, e tutt’altro che da eremita, però sempre mantenendo tra sé e i suoi simili questa minima ma invalicabile distanza.

Il barone rampante è un’avventura scritta per gioco, ma il gioco sembra ogni tanto complicarsi, trasformarsi in qualcosa d’altro. Il fatto di svolgersi nel secolo XVIIII dapprincipio fornisce al libro solo uno scenario di maniera, poi l’Autore finisce per tuffarsi nel mondo che ha evocato, per proiettarsi nel Settecento.

Il romanzo si svolge in un paese immaginario, Ombrosa, ma ci rendiamo presto conto che questa Ombrosa si trova in un punto imprecisato della Riviera ligure. Dai dati biografici dell’Autore sappiamo che egli è di San Remo, che nella cittadina ligure ha passato infanzia e giovinezza fino all’immediato dopoguerra; da altri scritti dell’Autore il suo legame col paese risulta nutrito di memorie più antiche, di consuetudine con la natura, di una tradizione familiare laica, mazziniana, legata al razionalismo sette-ottocentesco.

L’Autore ci dice molte cose come fossero tutte essenziali, ma alla fine di essenziale resta solo l’immagine che egli ci ha proposto: l’uomo che vive sugli alberi.»

La uniform edition delle opere di Calvino

Festeggiamo questo anniversario con la nuova copertina del Barone rampante, in cui il nuovo mondo di Cosimo è visto attraverso la lente del grande fotografo Luigi Ghirri:

«I rami si sbracciavano, alti ponti sopra la terra. Tirava un lieve vento; c’era sole. Il sole era tra le foglie, e noi per vedere Cosimo dovevamo farci schermo con la mano.»

Come il Barone rampante, tutta la uniform edition delle opere di Calvino nei nuovi Oscar Moderni è caratterizzata dalle fotografie di Ghirri, uno dei più celebri fotografi italiani. Ghirri ha il pregio di un uso garbato del colore e di un focus sulla realtà che parte dai luoghi noti per farne dei simboli universali. Il suo sguardo è attento agli elementi geometrici del paesaggio, alle metafore nascoste nel quotidiano, ai significati che vanno oltre l’oggetto immediato della raffigurazione.