A Milano Lino Guanciale per Sandro Penna

a cura di Redazione Oscar

Come è forte il rumore dell’alba!

Questo è l’incipit di una delle poesie più celebri di Sandro Penna, pubblicata originariamente nella raccolta Una strana gioia di vivere (Scheiwiller, 1956), e ora riunita insieme a tutti gli altri versi del poeta nel Meridiano Poesie, prose e diari a cura di Roberto Deidier.

Ora questo meraviglioso incipit diviene il titolo di uno spettacolo che ha per protagonista Lino Guanciale e che va in scena al Teatro Franco Parenti di Milano domenica 22 ottobre 2017 alle ore 21: Com’è forte il rumore dell’alba – Sandro Penna, il desiderio, la città.

Così si legge nella pagina sul sito del Teatro dedicata allo spettacolo:

Lino Guanciale è protagonista di una serata dedicata a Sandro Penna, il vate che catalogava speranze e delusioni, vitalità e pudore dei sentimenti, fantasmi e demoni, che cercava se stesso con la poesia in un continuo corpo a corpo tra i suoi desideri e le sue paure più profonde. Penna sa mostrarci ricordi che appartengono anche a noi: le sue camminate interminabili tra quartieri di case nuove e vecchie, i suoi sguardi curiosi, angosciati, divertiti e la sua maniera docile e sottile di scoprire il mondo diventano le nostre camminate, i nostri sguardi, la nostra scoperta. La sua poesia svela i segreti di quella forza che muove ogni nostro sguardo e che si agita nel cuore e nelle viscere di ognuno. Nei suoi versi Eros danza al ritmo della modernità metropolitana, la città si presenta nei suoi aspetti più lascivi e insieme lievi, delicati e veri. Una serata in suo onore non può che partire dalla constatazione che al di là dei flussi delle mode, la posterità non solo esiste, ma fa bene a cercare in Sandro Penna, più che in altri autori, la voce contemporanea dell'amore.

… Eppure Penna dubitò dei posteri. Non della loro competenza, ma della loro stessa esistenza. Si chiedeva se la poesia sarebbe ancora stata letta e considerata nel futuro, se sarebbe ancora esistito un pubblico di lettori e, soprattutto, se questo pubblico avrebbe provato interesse per lui.

Questa serata è un rinnovato tentativo di dimostrare quanto infondato sia tal dubbio.

La poesia di Sandro Penna nella lezione del Meridiano

Come è forte il rumore dell'alba!
Fatto di cose più che di persone.
Lo precede talvolta un fischio breve,


una voce che lieta sfida il giorno.
Ma poi nella città tutto è sommerso.
E la mia stella è quella stella scialba


mia lenta morte senza disperazione.

Poesie, prose e diari

Sandro Penna

Il volume raccoglie l'intero corpus delle poesie di Sandro Penna, le prose pubblicate in vita dall'autore e una scelta cospicua degli scritti di diario finora inediti. La curatela di Roberto Deidier - cui si affianca Elio Pecora nella preziosa e intensa Cronologia - consente la lettura avvertita e partecipe di uno dei massimi poeti del Novecento, e stabilisce un nuovo ordinamento delle poesie, ...

Scopri di più