Viaggio in Mongolia

Viaggio in Mongolia

1253: è passato pochissimo tempo da quando il terrore di un’invasione mongola ha preso l’Europa alla gola. I Tartari – come i Mongoli venivano chiamati – sono giunti, invincibili, in Polonia, Boemia, Ungheria, sino alle coste dell’Adriatico, seminando distruzione ovunque e facendo prigionieri i cristiani di mezzo continente. Poi, sono svaniti. Forse è il caso di conoscerli meglio, di stabilire relazioni diplomatiche e commerciali, di tentare di convertirli. Preceduto e seguito da vari «esploratori » come Giovanni di Pian del Carpine e Marco Polo, nel 1253 il francescano Guglielmo di Rubruk, che ha accompagnato Luigi IX di Francia alla settima Crociata, riceve dal re l’ordine di partire verso oriente da Costantinopoli per convertire i Tartari. Per due anni il frate fiammingo percorre, con velocità spesso incredibile per i suoi tempi, i territori dell’Asia Centrale, attraversa la regione del Volga e raggiunge Karakorum, la capitale del Gran Khan Mangu. Rientrato, Guglielmo stila una relazione affascinante che sfata le leggende diffuse in Occidente sui mostri che popolerebbero le regioni misteriose dell’Asia, sul Prete Gianni, sul Paradiso Terrestre. È un uomo pesante, colto, infaticabile, aperto. A lui interessano gli usi e i costumi dei Mongoli, le persone che incontra, le discussioni che tiene con loro, il conforto che può arrecare ai prigionieri cristiani. Così, eccolo dibattere di religione con un monaco buddista; oppure venire a contatto con un orafo francese che, catturato, si è guadagnato il rispetto dei nuovi padroni con le sue opere strabilianti; o infine assaggiare disgustato, poi con sempre maggior gusto, il comos, la bevanda di latte di cavalla fermentato che costituisce parte importante del nutrimento dei Mongoli. Rimane colpito dal loro perenne vagare di nomadi, turbato dall’assenza di città villaggi case, spaesato negli orizzonti senza fine delle steppe: «Tutto ciò che vedevamo era cielo e terra», scrive: «da quando eravamo usciti dalla Gasaria ci dirigevamo dritto verso oriente, lasciando a sud il mare e a nord una grande prateria deserta, che si stende in certi punti per venti giorni di cammino; per tutto quello spazio non ci sono né boschi, né alture, né pietre, ma solo ottima erba».

Guglielmo di Rubruck

Guglielmo di Rubruck (Rubruck, 1220 ca. - 1293 ca.) fu un religioso fiammingo appartenente all'Ordine dei Frati Minori, missionario ed esploratore. Il suo resoconto del viaggio in Asia è uno dei capolavori della letteratura geografica medioevale.


Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

'Le ali sotto ai piedi' di Cesare Cremonini torna in libreria

50 Special, Qualcosa di grande, Un giorno migliore, Vorrei, Niente di più, Resta con me, Cara Maggie, Silvia stai dormendo sono solo alcuni dei capitoli di una storia…

Agatha Christie: la Regina del delitto

Signora del giallo, regina del delitto Agatha Christie è la più famosa giallista al mondo, e una delle più prolifiche…

"Good Omens", l'Apocalisse inizia il 31 maggio 2019

Michael Sheen è Azraphel, un angelo in incognito; David Tennant è Crowley, un diavolo minore; Benedict Cumberbatch è Satana; Frances McDormand interpreta Dio. Good Omens,…

20 maggio 2019: Addio a Nanni Balestrini

Impegno artistico e civile: Nanni Balestrini   bisogna andarsene da qui abitare il mondo intero non frammenti separati del mondo…

Il serpente di Luigi Malerba a teatro

Verona, venerdì 17 maggio La compagnia veronese Teatro Scientifico sarà sul palco del Teatro Camploy di Verona, venerdì 17 maggio 2019, alle 20.45, per…

Brandon Sanderson e la saga epic fantasy del secolo

"Giuramento" un volume da collezione Brandon Sanderson, acclamato campione della narrativa fantastica contemporanea è autore della Saga «Cronache della Folgoluce», la più…

Italia Intatta Tour 2019

Esiste ancora un'Italia intatta, fatta di luoghi incontaminati Con il suo Italia intatta tour 2019, Mario Tozzi ci porta lungo…

Finnegans Wake, la traduzione completa

1939 - 2019 Il 4 maggio 1939 veniva pubblicato a Londra Finnegans Wake, l'ultimo romanzo di James Joyce, il "libro della…

Romics 2019: tre premi per Oscar Ink

Concorso Romics dei Libri a Fumetti Nell'ambito di Romics 2019 - la grande rassegna internazionale sul fumetto, l'animazione, cinema e…

Jemisin: i primi capitoli de "La Quinta Stagione"

Ogni sabato un capitolo de "La Quinta Stagione" N. K. Jemisin è entrata nel pantheon della narrativa fantastica vincendo tre…

Game of Thrones, l'ultima stagione

Nuova pelle per i Draghi di Game of Thrones Game of Thrones è arrivato all'ultima stagione, ma per tutti i…

Viaggio in Mongolia

Guglielmo di Rubruck

Viaggio in Mongolia

ISBN: 9788804604259
640 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 12,5 x 19,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 13 settembre 2011

Disponibile su: