Una stanza tutta per sé

Una stanza tutta per sé

Splendido esempio di “saggio narrativo”, Una stanza tutta per sé affronta – in modo ironico e pieno di vita, di ragione e senso critico nutrito dalla forza delle emozioni – il tema della creatività femminile. In toni amari e risentiti contro i privilegi maschili, Virginia Woolf esprime una genuina indignazione per il ruolo subalterno cui era costretta la donna del suo tempo, e in particolare la donna intellettuale. Lucida analisi dell’essere scrittrice in una società le cui convenzioni riducono la donna al ruolo di madre, sorella o figlia, la Woolf va alla ricerca di un punto di equilibrio interiore, di un momento di bellezza e verità assolute, intessendo un colloquio ideale con grandi scrittori.

Virginia Woolf

Londra 1882 - Rodmell, East Sussex, 1941. Diede vita con altri intellettuali al gruppo di Bloomsbury, destinato a dominare per oltre un trentennio il panorama culturale inglese. Tra le sue opere principali La camera di Jacob (1922), La signora Dalloway (1925), Al Faro (1927) e Orlando (1928).


Libri della stessa collana

Grandi opere che compiono gli anni nel 2019

2019: 20 grandi opere che compiono gli anni Tra le grandi opere pubblicate negli Oscar Moderni molte festeggiano il compleanno…

Pearl S. Buck: il Nobel 80 anni fa

La parabola di Pearl S. Buck Diretta a Stoccolma, dove la settimana successiva avrebbe ricevuto il premio Nobel per la…

Una stanza tutta per sé

Virginia Woolf

Una stanza tutta per sé

Collana: Moderni
ISBN: 9788804670650
154 pagine
Prezzo: € 12,00
Formato: 12,7 x 19,7 - Brossura
In vendita da: 27 settembre 2016

Disponibile su: