Storia degli inglesi

Storia degli inglesi

Sono passati circa 284 anni dall’arrivo degli Angli
nell’isola che da loro prenderà il nome, l’Inghilterra.
Finalmente, ora, regna la pace: i «Britanni» continuano,
è vero, a combattere pervicacemente per il loro computo
errato della Pasqua, ma gli Inglesi e gli Scozzesi sono
stati felicemente riacquistati alla fede cristiana (cattolica
e romana), e vivono in armonia. «Questa è la situazione
attuale di tutta la Britannia, nell’anno del Signore 731.»
Così termina la Storia degli Inglesi di Beda. Un uomo
leggermente balbuziente, chiuso per tutta la sua vita nei
monasteri di Wearmouth e Jarrow. Ma dotato dell’«ardente
spiro» del quale Dante lo vede fiammeggiare nel
Cielo dei Sapienti. Commentatore della Bibbia, autore
di vite di santi e di poesia, di trattati sul computo del
tempo, sulla metrica, l’ortografia e la scienza naturale,
Beda è il primo a impiegare con coerenza la datazione
dalla nascita di Cristo. La sua Storia (Historia ecclesiastica
gentis Anglorum
), della quale la Fondazione Valla
completa con il secondo volume la prima edizione critica
in quarant’anni, è la più bella opera storiografica del
Medioevo. Dalla missione che parte dal Celio, a Roma,
per la riconversione della Britannia abbandonata dalle
legioni e occupata dagli Angli e dai Sassoni, ai conflitti
con gli inviati irlandesi, che computano la Pasqua in
maniera differente, tutto, in essa, è organizzato con mano
sapiente e narrato col piglio dello scrittore di razza.
Ma tutto, anche, ha l’aura delle origini e il passo della
meditazione sugli accadimenti: se Beda vuole ancorare
a Roma l’alba delle vicende inglesi è perché quella che
Agostino, il missionario inviato da Gregorio Magno, e
poi Adriano e Teodoro, portano in Inghilterra è una
nuova cultura. Ben presto, essa fiorisce anche per mezzo
degli stessi abitanti dell’isola, come l’abate Biscop
«chiamato Benedetto», e Cædmon, il primo poeta inglese.
Fratello nel monastero della badessa Hild, Cædmon
non sa cantare. Ma una notte gli appare in sogno
una figura che gli ordina: «Cantami qualcosa». Quando
Cædmon risponde che non lo sa fare, la voce replica
imperiosa che deve però farlo per lei. Il poveretto
domanda allora cosa debba cantare. «Principium creaturarum», si sente dire. La poesia inglese inizia, appropriatamente,
con il Principio: con la Creazione.

Beda

Beda il Venerabile (672 ca. - 735) è stato un monaco e storico inglese. Entrato nel monastero di Wearmouth all'età di 7 anni, divenne diacono a 19 e sacerdote a 30; nel 682 si trasferì a Jarrow in Northumberland dove trascorse il resto della sua vita dividendosi tra vita monastica, studio, insegnamento, e l'attività di scrittore. Autore di numerose opere, la più conosciuta è la Storia ecclesiastica dei popoli anglici, (Historia ecclesiastica gentis Anglorum), in 5 libri narra la storia dell'Inghilterra dal tempo di Cesare alla data di fondazione (731). Gli scritti di Beda sono classificati in scientifici, storici e teologici, questi ultimi rappresentano la maggior parte della sua produzione letteraria e consistono in commentari di libri del Vecchio e Nuovo Testamento, omelie e trattati su brani della Sacra Scrittura. La sua edizione della Bibbia fu utilizzata dalla Chiesa fino al 1966, risultato di lunghe ricerche per ciascun libro della testo sacro. Il suo ultimo lavoro, completato sul letto di morte, fu la traduzione in lingua anglosassone del Vangelo secondo Giovanni.


Le donne valorose di Serena Dandini arrivano su Sky Arte

Qualcuno, io dico, si ricorderà di noi nel futuro. Saffo "È facile per una donna essere valorosa", scrive Serena Dandini. L'unico inconveniente…

George Orwell: la letteratura è una palestra di libertà

Ci sono scrittori che hanno intrecciato a tal punto letteratura e vita, da rendere quasi impossibile distinguere oggi l'uomo dal…

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le antologie curate da Asimov in una nuova edizione nel 2020

Appassionati di fantascienza a raccolta A partire dal 2020, anno del centenario di Isaac Asimov, approderanno negli Oscar Draghi le…

George Orwell su verità e menzogna

Dal 1934 alle soglie degli anni '50 George Orwell scrisse una serie di illuminanti riflessioni su quello che può considerarsi…

Negli Oscar c'è: tutti i titoli a -25% dal 2 agosto al 1 settembre

Negli Oscar c'è! Classici e saggi storici, graphic novel e saghe fantasy, gialli e manuali di benessere: se stai cercando…

'Fontamara' di Silone rivive quest'estate in una maratona di lettura

Dopo il grandioso murales di Fontamara, le parole di Ignazio Silone rivivono ad Aielli Le parole degli scrittori a volte devono uscire dai…

Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

Storia degli inglesi

Beda

Storia degli inglesi

ISBN: 9788804594185
800 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 12,5 x 19,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 18 maggio 2010

Disponibile su: