Sindrome del distacco e tregua

Sindrome del distacco e tregua

Accanto all’affabilità e alla pastosità porosa del mondo com’è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell’io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà. Sindrome del distacco e tregua si suddivide in otto parti, prive di trama lineare, ove conta «l’insistere virtuale sulla scena, / la rapsodia sparsa e sempre minuziosa / delle circostanze». Emblema di poetica implicita, tale sigla rimanda a una compattezza intonativa e di sguardo che si avvale – più che in passato – di modalità davvero sperimentali di scrittura e d’espressione: alla polifonia e drammaturgia metrico-prosodiche di cui Cucchi è maestro si aggiungono qui stacchi in prosa tutti funzionali, oltre a due fotografie pienamente empatiche a un libro magnifico, struggente, necessario. Cronotopo è l’atlante (fisico e interiore), che permette di trascorrere dall’ucraina Pryp’jat’ (a tre km da Černobyl’) a una Nizza amata e frequentata e alla natìa Milano, messa in emblema dalla centralità del Cenacolo di Leonardo fino ai margini delle sue banlieue, ripercorse attraverso la memoria viva di un libro in prosa per Cucchi fondamentale come La traversata di Milano (2007): omaggio ai mèntori della sua formazione, Sereni e Raboni. Il tempo di Sindrome del distacco e tregua è invece quello vertiginoso che salda insieme le epoche, dalla preistoria al Quattro e Seicento, fino ai brucianti fotogrammi del presente. Così può librarsi, questo Cucchi ispiratissimo, nella meraviglia aperta di una frugale quotidianità anonima.

Alberto Bertoni

Recensioni

“Che sia la fine o l'inizio, c'è in "Sindrome" un ulteriore passo verso la sospensione, verso la consapevolezza di una dimensione ignota dove "tutto entro il confine è compresente insieme", passaggio fondamentale per produrre straniamento.”

Mary B. Tolusso, "Il Piccolo" 10 febbraio 2019,

“Come pochi altri nel quadro della nostra poesia contemporanea, Cucchi ha un rapporto mobilissimo con la realtà, sintetizzato perfettamente anche dal continuo alternarsi fra prosa e versi, che struttura quasi per intero il libro.”

"Alias - Il manifesto" 17 febbraio 2019,

“La nuova raccolta di Maurizio Cucchi insiste sulle vicissitudini umane. L'autore si fida soltanto delle cose e delle parole concrete, di ciò che il sapore dell'esperienza diretta.”

Wolf testoni, "La Provincia di Lecco" 10 marzo 2019,

“Una raccolta di versi in otto parti, con inserti in prosa. Dalla preistoria al presente la rivendicazione della letteratura come valore perennemente in potenza, fra l'ucraina Pryp'jat (a tre km da Cernobile) una Nizza amata e frequentata e la natia Milano.”

Mario Baudino, "La Stampa" 16 marzo 2019,

“Questo deambulare fra strade e cascine periferiche, questo ammirare vecchi muri scrostati e sedie da giardino arrugginite, non sono altro, per Cucchi, che la ricerca di una "felicità frugale", di un modo di vivere più semplice, in cui gli oggetti hanno importanza in ragione dell'utilità che sanno fornire e gli uomini non rincorrono effimeri simulacri, ma la pienezza di una vita a stretto contatto con le cose. ”

Marco Molinari, "La Voce di Mantova" 7 maggio 2019,

“La prima cosa che colpisce è come il peta possa muoversi sinuoso tra le pieghe del tempo, fermandosi indifferentemente sulla preistoria, sul Seicento o sui drammi dell'attualità. Il secondo dato, ma specifico di questa raccolta, è come l'autore abbia scelto di lasciare più in controluce la cifra esistenziale, lo sguardo puntato sul destino individuale, per spostarsi invece sulla città.”

Alessandra Pacelli, "Il Mattino" 27 maggio 2019,

“Qui un'energia "poetica" , in un vorticoso percorso onirico, trascina il lettore dall'«immenso cortile di pietra» del collegio dei Salesiani a Milano fino alla cittadina ucraina di Pryp'jat' nei pressi di Chernobyl contaminata dal disastro nucleare del 1986, che assume così la connotazione di luogo simbolico di un viaggio onirico alimentato dalla fantasia, tracciato dal movimento del dito sopra l'atlante.”

Antonio Di Mauro, La Sicilia,

Maurizio Cucchi

Maurizio Cucchi (Milano 1945), poeta, consulente letterario, pubblicista, traduttore (da Stendhal, Lamartine, Flaubert, Villiers de l'Isle-Adam, Prévert), ha esordito in poesia con la raccoltaIl disperso (1976) alla quale hanno fatto seguito, tra le altre: Glenn (1982, premio Viareggio),Poesia della fonte (1993, premio Montale) e le recenti prove Per un secondo o un secolo (2003) e Vite pulviscolari (2009). Ha curato con Stefano Giovanardi l'antologia Poeti italiani del secondo Novecento. 1945-1995 (1996, nuova edizione 2004), pubblicando in seguito le prose di La traversata di Milano (2007) e i romanzi Il male è nelle cose (2005) e La maschera ritratto (2011).


Altri libri dello stesso autore

Libri della stessa collana

Le donne valorose di Serena Dandini arrivano su Sky Arte

Qualcuno, io dico, si ricorderà di noi nel futuro. Saffo "È facile per una donna essere valorosa", scrive Serena Dandini. L'unico inconveniente…

George Orwell: la letteratura è una palestra di libertà

Ci sono scrittori che hanno intrecciato a tal punto letteratura e vita, da rendere quasi impossibile distinguere oggi l'uomo dal…

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le antologie curate da Asimov in una nuova edizione nel 2020

Appassionati di fantascienza a raccolta A partire dal 2020, anno del centenario di Isaac Asimov, approderanno negli Oscar Draghi le…

George Orwell su verità e menzogna

Dal 1934 alle soglie degli anni '50 George Orwell scrisse una serie di illuminanti riflessioni su quello che può considerarsi…

Negli Oscar c'è: tutti i titoli a -25% dal 2 agosto al 1 settembre

Negli Oscar c'è! Classici e saggi storici, graphic novel e saghe fantasy, gialli e manuali di benessere: se stai cercando…

'Fontamara' di Silone rivive quest'estate in una maratona di lettura

Dopo il grandioso murales di Fontamara, le parole di Ignazio Silone rivivono ad Aielli Le parole degli scrittori a volte devono uscire dai…

Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

Sindrome del distacco e tregua

Maurizio Cucchi

Sindrome del distacco e tregua

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804710394
112 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 29 gennaio 2019

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852092411
112 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 29 gennaio 2019

Disponibile su: