Se ami devi amare forte

Se ami devi amare forte

Amore, sentimenti, futuro, aria, libertà, respiri, sospiri, colori. Biagio Antonacci racconta e si racconta in un libro: la confessione di un uomo che ha cercato il successo, riuscendo a non smarrirsi mai. È un diario di viaggio dentro se stesso e, come tutti i diari, è composto di intimità preziose, slanci di poesia e considerazioni sulla vita. Difficile sintetizzare il biagio-pensiero. Difficile e forse ingiusto. È un magma scoppiettante di parole e intuizioni, che mescola passioni dalle tinte forti e arte, amore ed errori, musica e ragione, volontà e vizi della carne. Un universo poetico che ruota veloce nella testa e nel cuore di un uomo che sente e pensa troppo e che fa di tutto per liberarsi dal suo stesso tormento. In queste pagine c’è tanto amore e tanto pensiero sulla donna. Perché donne e amore sono un binomio inscindibile nella vita e nelle canzoni di Antonacci. Perché l’amore è un virus, che ti travolge e ti smarrisce da te, ma è talmente affascinante e talmente bello da essere il più grande dei regali della vita. Ogni volta diverso, ogni volta stupefacente.

Biagio Antonacci

Biagio Antonacci nasce a Milano nel 1963. Cresce a Rozzano, alla periferia di Milano, nelle strade del suo quartiere, ma ben presto si appassiona alla musica. Scrive canzoni e frequenta l'ambiente discografico milanese fino a quando, nel 1989, ottiene il suo primo contratto discografico. Di quell'anno è il suo primo album, Sono cose che capitano. Nel 1991 pubblica Adagio Biagio. Bisogna aspettare soltanto un anno, comunque, per assistere al primo grande successo di Biagio Antonacci: si tratta del brano Liberatemi, che gira l'estate con il Festivalbar e promuove un album che porta lo stesso titolo. Liberatemi finisce per vendere 150 mila copie e sancisce l'importanza di Biagio Antonacci nella scena pop italiana. Nel 1993 Biagio ottiene un grande successo di critica e di pubblico presentando al Festival di Sanremo la canzone Non so più a chi credere; quello stesso anno gira l'Italia con un tour molto applaudito. Nel 1994 esce Biagio Antonacci: il disco è composto da 13 canzoni tra cui Non è mai stato subito e Se io se lei e vende 300 mila copie. E' l'album della conferma: nuovo tour di successo, e poi ancora in sala di registrazione, chiuso a lavorare per un nuovo album che esce nel 1996: Il Mucchio. L'album contiene 13 brani di cui uno, Happy family, scritto a quattro mani con Luca Carboni. Il primo singolo si intitola Se è vero che ci sei e tra i musicisti figura nientemeno che il batterista dei Simple Minds Mel Gaynor. Nella primavera del 1998 esce Mi fai stare bene, il suo sesto album. L'autunno 2000 segna la pubblicazione del nuovo lavoro di Biagio Antonacci: Tra le mie canzoni, una raccolta che ripercorre i 10 anni di carriera di Antonacci e che ne rappresenta i momenti più importanti ed emozionanti.


Libri della stessa collana

Percy Bisshe Shelley: le "Opere poetiche"

Il primo volume nei Meridiani È in libreria il Meridiano delle Opere poetiche di Percy Bisshe Shelley, primo di due…

1968-2018: 50 anni fa ci lasciava Quasimodo

“Lirici greci” e premio Nobel Quasimodo era un poeta che mi piaceva molto, così lo conobbi e diventammo amici. Lui…

In Oscar Fantastica la trilogia "Broken Earth"

Gli Oscar Mondadori hanno acquisito, in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA), i diritti di pubblicazione per il territorio…

Un libro e un CD per Andrea Pazienza

Trent’anni e non sentirli In occasione del trentennale dalla scomparsa, e a conferma che nonostante tale scomparsa sia ancora artista…

Hemingway e l'esplosione di Bollate

Quell'esplosione, cent'anni fa Il 7 giugno 1918 Un giovanissimo Hemingway, volontario della Croce Rossa, prestò soccorso in occasione dello scoppio…

"Lo sconosciuto": il fumetto nero di Magnus

Ultimo grande fumetto "nero" Ultimo grande fumetto "nero", Lo Sconosciuto è una delle più brillanti intuizioni di Roberto Raviola –…

I “Cento racconti” di Ray Bradbury, “umanista del futuro”

Bradbury, fiore all'occhiello del catalogo Oscar Ray Bradbury, morto a oltre novant’anni il 4 giugno 2012, è stato definito un…

Osho: una vertigine chiamata vita

Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto Chi sei? «Sono semplicemente me stesso; non un profeta, non un messia, non un…

Fruttero&Lucentini: un docufilm su Sky Arte

Fruttero&Lucentini - Basta il nome Venerdì 25 maggio alle 20,20 va in onda su Sky Arte HD il documentario Fruttero&Lucentini…

Goodbye, Philip Roth

Philip Roth 1933-2018 Quella sera lesse qualcosa su la mort de toi, con cui aveva già una certa familiarità, e…

Follett: i 40 anni de "La cruna dell'ago"

Il primo bestseller di Ken Follett compie 40 anni «Avevo ventisette anni quando scrissi "La cruna dell’Ago". Se lo rileggo…

Tom Wolfe, lo scrittore delle vanità

Tom Wolfe (1931-2018) L'inventore della locuzione "radical chic" - che tanta fortuna ha avuto anche in Italia -, Tom Wolfe,…

Se ami devi amare forte

Biagio Antonacci

Se ami devi amare forte

Collana: Bestsellers
ISBN: 9788804587088
238 pagine
Prezzo: € 9,50
Formato: 12,7 x 19,7 - Brossura
In vendita da: 11 novembre 2014

Disponibile su: