Salva con nome

Salva con nome

Dai labirinti sotterranei di una memoria legata a un passato anche remoto, o addirittura pre-natale, affiorano brandelli di messaggi, volti e nomi di figure parentali, eventi di presenze ormai inghiottite dal tempo e dai paesaggi che li videro agire e soffrire, nella irredimibile solitudine dei loro destini. Antonella Anedda in Salva con nome ci conduce, con fermezza di voce asciutta e tagliente – cucendo con pazienza le proprie parole, come su un ramo il comporsi delle foglie – in una dimensione inquieta tra l’atemporale e l’onirico, dove le immagini si affacciano, quasi spettrali, pronte a dissolversi a contatto con l’aria. Solo il nome, solo la forza della parola riesce a salvarle: una parola, peraltro, sempre fortemente radicata nelle cose, nella realtà, nell’origine, come vediamo anche dall’uso, pur molto controllato, della lingua sarda. Una realtà che riesce a evidenziarsi attraverso i numerosi frammenti sparsi di una minuta quotidianità domestica, dai particolari di una condizione di precarietà ineludibile dove l’idea della morte – o la sua presenza condotta dal ricordo o dall’ansia – coesiste stabilmente, compenetrata nelle cose e negli esseri su cui gli occhi della poesia vengono a posarsi. Eppure, nel suo “cercare / morti in vita”, Antonella Anedda diffonde una serie di messaggi di consapevole vitalità, di evoluzione solidale, collocando, nella varietà sorprendente in cui si realizza l’originale collage finale di questo libro – nel passaggio dal verso alla prosa, nelle differenti strutture del verso, fino alla pluralità di voci dei suoi Cori – una serie di reperti, di piccoli cimeli affettivi, di fotografie di volti e cose che, come nelle opere del grande W.G. Sebald, non sono semplici illustrazioni d’accompagnamento ma vere e proprie parti essi stessi del testo. Nella lirica complessa e profonda di Antonella Anedda, nel rigore intellettuale e nell’esigenza di pensiero dei suoi percorsi poetici, incontriamo “la memoria che scroscia”, l’acqua che inghiotte ma anche la capacità di osservare o sognare se stessi come dall’esterno. Nella lotta incessante contro il tempo che tende a dominarci, forse solo la lucidità della poesia riesce a trovare l’energia e il sostegno morale per non cedere, per non affondare.

Antonella Anedda

Antonella Anedda (Angioy), nata a Roma, è laureata in storia dell'arte moderna. Dopo il libro di esordio Residenze invernali (1992) ha pubblicato le seguenti raccolte di poesie: Notti di pace occidentale (1999, Premio Montale 2000), Il catalogo della gioia (finalista al Premio Viareggio 2003) e Dal balcone del corpo (2007, con cui ha vinto i premi Dedalus, Dessì e Napoli). Tra i saggi si ricordano: Cosa sono gli anni (1997), La luce delle cose (2000), La lingua disadorna ( 2001), Come solitudine (2003) e La vita dei dettagli (2009).
Di Philippe Jaccottet ha curato il volume La parola Russia (2004).
Sue traduzioni da poeti classici e moderni sono raccolte nel volume Nomi distanti (1998). I suoi libri sono tradotti in varie lingue.


Libri della stessa collana

Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

'Le ali sotto ai piedi' di Cesare Cremonini torna in libreria

50 Special, Qualcosa di grande, Un giorno migliore, Vorrei, Niente di più, Resta con me, Cara Maggie, Silvia stai dormendo sono solo alcuni dei capitoli di una storia…

Agatha Christie: la Regina del delitto

Signora del giallo, regina del delitto Agatha Christie è la più famosa giallista al mondo, e una delle più prolifiche…

"Good Omens", l'Apocalisse inizia il 31 maggio 2019

Michael Sheen è Azraphel, un angelo in incognito; David Tennant è Crowley, un diavolo minore; Benedict Cumberbatch è Satana; Frances McDormand interpreta Dio. Good Omens,…

20 maggio 2019: Addio a Nanni Balestrini

Impegno artistico e civile: Nanni Balestrini   bisogna andarsene da qui abitare il mondo intero non frammenti separati del mondo…

Il serpente di Luigi Malerba a teatro

Verona, venerdì 17 maggio La compagnia veronese Teatro Scientifico sarà sul palco del Teatro Camploy di Verona, venerdì 17 maggio 2019, alle 20.45, per…

Brandon Sanderson e la saga epic fantasy del secolo

"Giuramento" un volume da collezione Brandon Sanderson, acclamato campione della narrativa fantastica contemporanea è autore della Saga «Cronache della Folgoluce», la più…

Italia Intatta Tour 2019

Esiste ancora un'Italia intatta, fatta di luoghi incontaminati Con il suo Italia intatta tour 2019, Mario Tozzi ci porta lungo…

Finnegans Wake, la traduzione completa

1939 - 2019 Il 4 maggio 1939 veniva pubblicato a Londra Finnegans Wake, l'ultimo romanzo di James Joyce, il "libro della…

Romics 2019: tre premi per Oscar Ink

Concorso Romics dei Libri a Fumetti Nell'ambito di Romics 2019 - la grande rassegna internazionale sul fumetto, l'animazione, cinema e…

Jemisin: i primi capitoli de "La Quinta Stagione"

Ogni sabato un capitolo de "La Quinta Stagione" N. K. Jemisin è entrata nel pantheon della narrativa fantastica vincendo tre…

Game of Thrones, l'ultima stagione

Nuova pelle per i Draghi di Game of Thrones Game of Thrones è arrivato all'ultima stagione, ma per tutti i…

Salva con nome

Antonella Anedda

Salva con nome

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804617631
128 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 27 marzo 2012

Disponibile su: