Salva con nome

Salva con nome

Dai labirinti sotterranei di una memoria legata a un
passato anche remoto, o addirittura pre-natale, affiorano
brandelli di messaggi, volti e nomi di figure parentali,
eventi di presenze ormai inghiottite dal tempo e
dai paesaggi che li videro agire e soffrire, nella irredimibile
solitudine dei loro destini. Antonella Anedda
in Salva con nome ci conduce, con fermezza di voce
asciutta e tagliente – cucendo con pazienza le proprie
parole, come su un ramo il comporsi delle foglie – in
una dimensione inquieta tra l’atemporale e l’onirico,
dove le immagini si affacciano, quasi spettrali, pronte
a dissolversi a contatto con l’aria. Solo il nome, solo la
forza della parola riesce a salvarle: una parola, peraltro,
sempre fortemente radicata nelle cose, nella realtà,
nell’origine, come vediamo anche dall’uso, pur molto
controllato, della lingua sarda. Una realtà che riesce a
evidenziarsi attraverso i numerosi frammenti sparsi
di una minuta quotidianità domestica, dai particolari
di una condizione di precarietà ineludibile dove l’idea
della morte – o la sua presenza condotta dal ricordo o
dall’ansia – coesiste stabilmente, compenetrata nelle
cose e negli esseri su cui gli occhi della poesia vengono
a posarsi. Eppure, nel suo “cercare / morti in vita”,
Antonella Anedda diffonde una serie di messaggi di
consapevole vitalità, di evoluzione solidale, collocando,
nella varietà sorprendente in cui si realizza l’originale
collage finale di questo libro – nel passaggio dal
verso alla prosa, nelle differenti strutture del verso,
fino alla pluralità di voci dei suoi Cori – una serie di
reperti, di piccoli cimeli affettivi, di fotografie di volti
e cose che, come nelle opere del grande W.G. Sebald,
non sono semplici illustrazioni d’accompagnamento
ma vere e proprie parti essi stessi del testo. Nella lirica
complessa e profonda di Antonella Anedda, nel rigore
intellettuale e nell’esigenza di pensiero dei suoi percorsi
poetici, incontriamo “la memoria che scroscia”,
l’acqua che inghiotte ma anche la capacità di osservare
o sognare se stessi come dall’esterno. Nella lotta incessante
contro il tempo che tende a dominarci, forse
solo la lucidità della poesia riesce a trovare l’energia e
il sostegno morale per non cedere, per non affondare.

Antonella Anedda

Antonella Anedda (Angioy), nata a Roma, è laureata in storia dell'arte moderna. Dopo il libro di esordio Residenze invernali (1992) ha pubblicato le seguenti raccolte di poesie: Notti di pace occidentale (1999, Premio Montale 2000), Il catalogo della gioia (finalista al Premio Viareggio 2003) e Dal balcone del corpo (2007, con cui ha vinto i premi Dedalus, Dessì e Napoli). Tra i saggi si ricordano: Cosa sono gli anni (1997), La luce delle cose (2000), La lingua disadorna ( 2001), Come solitudine (2003) e La vita dei dettagli (2009).
Di Philippe Jaccottet ha curato il volume La parola Russia (2004).
Sue traduzioni da poeti classici e moderni sono raccolte nel volume Nomi distanti (1998). I suoi libri sono tradotti in varie lingue.


Libri della stessa collana

L'Edizione Nazionale di Luigi Pirandello

Il connubio tra Oscar Mondadori e l'Edizione Nazionale Nella cornice di eventi per celebrare il 150° Anniversario della nascita di…

I libri bruciano a gradi Fahrenheit 451

"Fahrenheit 451" diventa graphic novel Pubblicato nel 1953, Fahrenheit 451 è uno dei più importanti testi di fantascienza distopica del…

Percy Bisshe Shelley: le "Opere poetiche"

Il primo volume nei Meridiani È in libreria il Meridiano delle Opere poetiche di Percy Bisshe Shelley, primo di due…

1968-2018: 50 anni fa ci lasciava Quasimodo

“Lirici greci” e premio Nobel Quasimodo era un poeta che mi piaceva molto, così lo conobbi e diventammo amici. Lui…

In Oscar Fantastica la trilogia "Broken Earth"

Gli Oscar Mondadori hanno acquisito, in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA), i diritti di pubblicazione per il territorio…

Un libro e un CD per Andrea Pazienza

Trent’anni e non sentirli In occasione del trentennale dalla scomparsa, e a conferma che nonostante tale scomparsa sia ancora artista…

Hemingway e l'esplosione di Bollate

Quell'esplosione, cent'anni fa Il 7 giugno 1918 Un giovanissimo Hemingway, volontario della Croce Rossa, prestò soccorso in occasione dello scoppio…

"Lo sconosciuto": il fumetto nero di Magnus

Ultimo grande fumetto "nero" Ultimo grande fumetto "nero", Lo Sconosciuto è una delle più brillanti intuizioni di Roberto Raviola –…

I “Cento racconti” di Ray Bradbury, “umanista del futuro”

Bradbury, fiore all'occhiello del catalogo Oscar Ray Bradbury, morto a oltre novant’anni il 4 giugno 2012, è stato definito un…

Osho: una vertigine chiamata vita

Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto Chi sei? «Sono semplicemente me stesso; non un profeta, non un messia, non un…

Fruttero&Lucentini: un docufilm su Sky Arte

Fruttero&Lucentini - Basta il nome Venerdì 25 maggio alle 20,20 va in onda su Sky Arte HD il documentario Fruttero&Lucentini…

Goodbye, Philip Roth

Philip Roth 1933-2018 Quella sera lesse qualcosa su la mort de toi, con cui aveva già una certa familiarità, e…

Salva con nome

Antonella Anedda

Salva con nome

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804617631
128 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 27 marzo 2012

Disponibile su: