Salva con nome

Salva con nome

Dai labirinti sotterranei di una memoria legata a un
passato anche remoto, o addirittura pre-natale, affiorano
brandelli di messaggi, volti e nomi di figure parentali,
eventi di presenze ormai inghiottite dal tempo e
dai paesaggi che li videro agire e soffrire, nella irredimibile
solitudine dei loro destini. Antonella Anedda
in Salva con nome ci conduce, con fermezza di voce
asciutta e tagliente – cucendo con pazienza le proprie
parole, come su un ramo il comporsi delle foglie – in
una dimensione inquieta tra l’atemporale e l’onirico,
dove le immagini si affacciano, quasi spettrali, pronte
a dissolversi a contatto con l’aria. Solo il nome, solo la
forza della parola riesce a salvarle: una parola, peraltro,
sempre fortemente radicata nelle cose, nella realtà,
nell’origine, come vediamo anche dall’uso, pur molto
controllato, della lingua sarda. Una realtà che riesce a
evidenziarsi attraverso i numerosi frammenti sparsi
di una minuta quotidianità domestica, dai particolari
di una condizione di precarietà ineludibile dove l’idea
della morte – o la sua presenza condotta dal ricordo o
dall’ansia – coesiste stabilmente, compenetrata nelle
cose e negli esseri su cui gli occhi della poesia vengono
a posarsi. Eppure, nel suo “cercare / morti in vita”,
Antonella Anedda diffonde una serie di messaggi di
consapevole vitalità, di evoluzione solidale, collocando,
nella varietà sorprendente in cui si realizza l’originale
collage finale di questo libro – nel passaggio dal
verso alla prosa, nelle differenti strutture del verso,
fino alla pluralità di voci dei suoi Cori – una serie di
reperti, di piccoli cimeli affettivi, di fotografie di volti
e cose che, come nelle opere del grande W.G. Sebald,
non sono semplici illustrazioni d’accompagnamento
ma vere e proprie parti essi stessi del testo. Nella lirica
complessa e profonda di Antonella Anedda, nel rigore
intellettuale e nell’esigenza di pensiero dei suoi percorsi
poetici, incontriamo “la memoria che scroscia”,
l’acqua che inghiotte ma anche la capacità di osservare
o sognare se stessi come dall’esterno. Nella lotta incessante
contro il tempo che tende a dominarci, forse
solo la lucidità della poesia riesce a trovare l’energia e
il sostegno morale per non cedere, per non affondare.

Antonella Anedda

Antonella Anedda (Angioy), nata a Roma, è laureata in storia dell'arte moderna. Dopo il libro di esordio Residenze invernali (1992) ha pubblicato le seguenti raccolte di poesie: Notti di pace occidentale (1999, Premio Montale 2000), Il catalogo della gioia (finalista al Premio Viareggio 2003) e Dal balcone del corpo (2007, con cui ha vinto i premi Dedalus, Dessì e Napoli). Tra i saggi si ricordano: Cosa sono gli anni (1997), La luce delle cose (2000), La lingua disadorna ( 2001), Come solitudine (2003) e La vita dei dettagli (2009).
Di Philippe Jaccottet ha curato il volume La parola Russia (2004).
Sue traduzioni da poeti classici e moderni sono raccolte nel volume Nomi distanti (1998). I suoi libri sono tradotti in varie lingue.


Libri della stessa collana

Commodore 64: Nostalgic Edition

La storia dell’home computer più famoso di sempre Arriva in Italia Commodore 64 – Nostalgic Edition, un testo monumentale che…

"Assassinio sull'Orient Express" dal 30 novembre al cinema

Articolo tratto da Mondadori Store Magazine di Novembre 2017

Osho Festa: la gioia del cambiamento

Hai letto i libri di Osho? ...non fermarti sulla soglia! Dopo la lettura: l'esperienza! Se vuoi passare un Capodanno diverso…

Il Trono di Spade come non l'avete mai visto

Soffiano ancora lontano i “venti dell'inverno”, ma Martin non ci lascia soli: è in libreria una speciale edizione illustrata del…

"Mistero a Crooked House" dal 31 ottobre al cinema

Un giallo alla "Agatha Christie" Pubblicato nel 1949, È un problema era uno dei romanzi preferiti dalla stessa Christie perché affonda…

Ritorna "Il vangelo del coyote"

Una storia nera… per la prima volta a colori Oscar Ink riporta in libreria e fumetteria Il vangelo del coyote,…

Scopri tutti gli eventi OSCAR INK a Lucca Comics & Games 2017

Da mercoledì 1 a domenica 5 novembre si svolgerà nella città toscana il Lucca Comics & Games 2017. Tantissimi gli autori…

Classici: i libri più preziosi, il regalo più amato

Per un mese, dal 27 ottobre al 26 novembre tutti i volumi della collana  I MERIDIANI avranno lo sconto del 25%…

Philip Roth, un classico contemporaneo

Con queste parole, e col passo dello scrittore, Federica Manzon accompagna sul «Piccolo» del 23 ottobre 2017 l’uscita del primo…

A Milano Lino Guanciale per Sandro Penna

Come è forte il rumore dell’alba! Questo è l’incipit di una delle poesie più celebri di Sandro Penna, pubblicata originariamente nella…

L’enigma della Corea del Nord

La questione nordcoreana da circa 70 anni rappresenta uno dei nodi irrisolti delle relazioni internazionali e negli ultimi mesi, in…

Salva con nome

Antonella Anedda

Salva con nome

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804617631
128 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 27 marzo 2012

Disponibile su: