Prove di libertà

Prove di libertà

A undici anni dal suo libro precedente, Ritorno a Planaval, che aveva segnato, con l’autorevole avallo di Pier Vincenzo Mengaldo, uno dei punti più originali di una generazione, quella dei nati negli anni Sessanta, oggi giunti alla loro piena maturità, Stefano Dal Bianco conferma l’inquietudine profonda del suo rapporto con l’esistere e la sua ansia di libertà in un mondo di “anime costrette”. Scandita in sette parti, come le sette note della scala musicale, questa nuova opera di Dal Bianco esplora le contraddizioni del sentimento e del pensiero, l’antinomia tra spinta alla consapevolezza e lievità di una più naturale adesione alla vita, come è efficacemente espresso, con mano leggera e tenerezza di cuore, nelle poesie dedicate alla contemplazione del figlio bambino nella dolce sospensione del suo sonno. A questa trasognata esistenza che non cerca di identificarsi si contrappone l’ansia del soggetto che al tempo stesso ricerca e respinge il proprio essere un “io” e che si coglie irrilevante nella sua minima realtà in un mondo, in una terra “che non è niente”, e dove gli si prospetta il sempre più prossimo “buco della morte”, coincidente con il “niente dell’inizio”, sempre pronto impassibilmente a risucchiarlo. Il nucleo di dolore, disagio e solitudine, di cui Dal Bianco parla spesso in queste sue liriche, parrebbe allora eludibile in una sorta di immersione sospesa nella muta libertà della natura, nella “somma libertà del tutto”, nella forse divina libertà del cosmo.
Prove di libertà è un libro importante e singolare per la profondità antiretorica dei suoi percorsi riflessivi e della meditazione lirica che vi svolge l’autore. Un libro che si cimenta, senza pause, con la complessità dell’esserci, ma che sa esprimere una forte ossessione con pacatezza di tono e con una semplicità, di parola e stile, fortemente comunicativa. Un libro che turba ed emoziona e che a ogni componimento, a ogni pagina, induce il lettore a ritornare sui suoi passi per meglio confrontarsi con gli screzi e le increspature di un testo quanto mai ricco di sostanza.

Stefano Dal Bianco

Stefano Dal Bianco è nato a Padova nel 1961 ha diretto la rivista "Scarto minimo", è stato redattore della rivista "Poesia". Vive in provincia di Siena, dove è ricercatore all'università. Ha pubblicato: La bella mano (1991), Stanze del gusto cattivo (in Primo quaderno italiano, 1991), Ritorno a Planaval (2001). Tra i saggi si segnalano: Tradire per amore. La metrica del primo Zanzotto (1997) e L'endecasillabo del "Furioso" (2007). È curatore dell'opera di Andrea Zanzotto presso Mondadori: Le poesie e prose scelte (1999, con G.M. Villalta) e Tutte le poesie (2011).


Libri della stessa collana

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le antologie curate da Asimov in una nuova edizione nel 2020

Appassionati di fantascienza a raccolta A partire dal 2020, anno del centenario di Isaac Asimov, approderanno negli Oscar Draghi le…

Negli Oscar c'è: tutti i titoli a -25% dal 2 agosto al 1 settembre

Negli Oscar c'è! Classici e saggi storici, graphic novel e saghe fantasy, gialli e manuali di benessere: se stai cercando…

'Fontamara' di Silone rivive quest'estate in una maratona di lettura

Dopo il grandioso murales di Fontamara, le parole di Ignazio Silone rivivono ad Aielli Le parole degli scrittori a volte devono uscire dai…

Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

'Le ali sotto ai piedi' di Cesare Cremonini torna in libreria

50 Special, Qualcosa di grande, Un giorno migliore, Vorrei, Niente di più, Resta con me, Cara Maggie, Silvia stai dormendo sono solo alcuni dei capitoli di una storia…

Agatha Christie: la Regina del delitto

Signora del giallo, regina del delitto Agatha Christie è la più famosa giallista al mondo, e una delle più prolifiche…

"Good Omens", l'Apocalisse inizia il 31 maggio 2019

Michael Sheen è Azraphel, un angelo in incognito; David Tennant è Crowley, un diavolo minore; Benedict Cumberbatch è Satana; Frances McDormand interpreta Dio. Good Omens,…

Prove di libertà

Stefano Dal Bianco

Prove di libertà

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804621676
112 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 11 settembre 2012

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852028670
112 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 11 settembre 2012

Disponibile su: