Non finirò di scrivere sul mare

Non finirò di scrivere sul mare

Si ritrova in questo libro, come è sempre più raro che accada, l’ampio respiro di una poesia che riesce a oltrepassare i limiti inevitabilmente angusti dell’io, per muoversi in una ben più ampia libertà di canto. Giuseppe Conte realizza un vero e proprio poema sul mare, nel suo perenne, inesorabile mutare e ricominciare: «La mer, la mer, toujours recommencée!» scriveva Paul Valéry; e nei capitoli di questo sorprendente libro, pur nell’estrema varietà degli scenari, domina la centralità assoluta del mare nella sua immensa energia reale e simbolica, negli impulsi che sa offrire a un’alta o profonda riflessione lirica. Il mare che inquadra, nella sua dinamica bellezza, il senso dell’esistere, che nel suo essere e nel suo moto, splendidamente anarchico, appare come un testimone impareggiabile. E lo è nei suoi colori stagionali, nei vari luoghi in cui il poeta stesso, dalla propria terra di nascita ai diversi porti delle sue esplorazioni, può contemplarne la meraviglia. Epico e quotidiano, il mare è come «la musica di ciò che accade» ed è una presenza totale e misteriosa nel passaggio di figure anonime, come nella vicenda del poeta che ne ammira e vorrebbe imitarne il movimento e ne resta ammaliato come da una divinità: «Mare la tua misura è l’infinito / e l’abisso, l’alto e il basso». Giuseppe Conte ha il merito di farsi e farci coinvolgere da una realtà a tutto campo, dove la vastità del mare trova eco nelle innumerevoli presenze vitali del circostante paesaggio, tra il veloce andare ridente dei bambini e lo zampettare dei passeri, che si tratti della Riviera Ligure o della baia di San Francisco. Quello che conta, ci suggerisce il poeta, è farsi catturare e assorbire dall’incessante rigenerarsi del mondo, di cui il mare è il più nobile e generoso emblema.

Recensioni

“Questo, come detto, è un libro di fedeltà. E fedeli alla propria natura e al proprio credo sono anche queste poesie. Si possono riconoscere la stessa energia, la stessa propulsione sensibile e ideale di un tempo. A tratti anche lo stesso entusiasmo. Eppure, anche se spesso il gesto della scrittura viene restituito in presa diretta («Sto davanti a te con un taccuino/ al tavolino di questo caffè»), le situazioni di comunione e di pienezza estatica per lo più risultano adesso tematizzate, diventando esse stesse oggetto di argomento. Il che è indizio non tanto di una relativizzazione, quanto di una aumentata problematicità. «Sono solo più di tutti, mare, persino di te». I fantasmi dissuasori come la solitudine, le ferite della vita, il costo stesso di certe scelte mai più ritrattate, si fanno sentire. Del resto Orfeo deve voltarsi e perdere qualcosa per cominciare a cantare.”

Roberto Galaverni, La Lettura Corriere della Sera,

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte (Imperia 1945) è una delle figure più apprezzate e in vista della poesia italiana d'oggi. Ha già pubblicato: Dialogo del poeta e del messaggero (Mondadori 1992, premio Montale) e L'Oceano. Ha inoltre scritto romanzi, tra i quali L'impero e l'incanto (Rizzoli 1995) e ha curato l'antologia La lirica d'Occidente (Guanda 1990).


Intervista all'autore

Che differenza c’è tra la lingua poetica e quella narrata?
“La prima vive di ritmo contratto e ha un andamento verticale o al più elicoidale. La lingua del romanzo procede a blocchi orizzontali. Il rimo è nei personaggi, nella trama, nei dialoghi. Più che ostacolarsi per me si completano. E sempre a proposito del romanzo lessi una inattesa definizione di Umberto Eco. Il romanzo, scrisse, è una forma di educazione al fato. La trovo molto condivisibile, in qualche modo poetica.”

Cosa è scattato dentro di te?
Semplicemente ho ripreso a scrivere poesia e poi romanzi sotto l’effetto di una crisi profondissima di identità personale e spinto dal desiderio di rivolta contro un linguaggio spogliato di ogni energia della natura, dell’eros, del sacro. Era il linguaggio del mondo contemporaneo contro il quale mi ribellavo. Questa idea di resistenza spirituale non mi ha più abbandonato.”

(Giuseppe Conte intervistato da Antonio Gnoli su Robinson, La Repubblica)

Altri libri dello stesso autore

Libri della stessa collana

2020: un anno fantastico

Le novità da non perdere in arrivo negli Oscar Fantastica nel 2020 Streghe alla conquista di nuovi regni, eredi al…

La famosa invasione degli orsi in Sicilia: dal libro di Buzzati al film di Mattotti

La famosa invasione degli orsi in Sicilia rivive al cinema e in un'edizione speciale Oscar in uscita prossimamenteCi sono storie che attraversano…

'L’ufficiale e la spia' di Robert Harris arriva al cinema con la regia di Roman Polanski, distribuito da 01 Distribution.

Nelle sale italiane dal 21 novembre il film tratto dal romanzo di successo dello scrittore britannico

Lina Wertmüller: avventure di una "ragazza romana che ne ha fatte di tutti i colori"

La biografia di Lina Wertmüller aggiornata in occasione dell'Oscar alla carriera "È una festa la vita: viviamola insieme!".  È quello che Federico…

50 anni senza Jack Kerouac: libri e vita di una leggenda della letteratura americana

Il 21 ottobre del 1969 a St Petersburg, Florida, moriva Jack Kerouac, leggenda della letteratura americana e figura dominante della beat generation. 47…

Le donne valorose di Serena Dandini arrivano su Sky Arte

Qualcuno, io dico, si ricorderà di noi nel futuro. Saffo "È facile per una donna essere valorosa", scrive Serena Dandini. L'unico inconveniente…

George Orwell: la letteratura è una palestra di libertà

Ci sono scrittori che hanno intrecciato a tal punto letteratura e vita, da rendere quasi impossibile distinguere oggi l'uomo dal…

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Non finirò di scrivere sul mare

Giuseppe Conte

Non finirò di scrivere sul mare

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804718192
152 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: Cartaceo
In vendita da: 5 novembre 2019

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852098208
152 pagine
Prezzo: € 9,99
Formato: Ebook
In vendita da: 5 novembre 2019

Disponibile su: