Le Olimpiche

Le Olimpiche

«Ottima è l’acqua e l’oro / come fuoco che avvampa /
rifulge nella notte / più di ogni superba ricchezza.» È
l’apertura dell’Olimpica I, «il più bello fra tutti i canti», come di essa scriveva Luciano sei secoli dopo la sua
composizione. Un inizio solenne, nel quale regnano la
trasparenza e il bagliore: quelli che più tardi si sarebbero
riassunti nella parola claritas. E che subito riverberano
nei versi successivi, nei quali splende l’astro fulgido
del sole che arde «nell’etere deserto». A voler cantare
gli agoni, sostiene Pindaro, si deve per forza scegliere
i migliori, le Olimpiadi: che sono come l’acqua, l’oro,
il fuoco, il sole, e che ebbero luogo in Grecia per oltre
mille anni, dal 776 a.C. a quel 393 d.C. nel quale l’imperatore
Teodosio e il vescovo Ambrogio li proibirono.
Pindaro, oltreché delle Pitiche, delle Istmiche e delle
Nemee, è anche – nell’immaginazione dei lettori e dei
poeti dei due millenni e mezzo che da lui ci separano
– il grande poeta, il poeta per eccellenza, delle Olimpiche.
Con esse, celebra di volta in volta la vittoria degli
atleti nelle gare di Olimpia. Ma i suoi epinici sono famosi
per la luce che li pervade, la velocità fulminea dei
passaggi tematici (i celebri «voli pindarici») intercalati
a brevi sentenze di saggezza, l’esaltazione degli ideali
di eroismo e gloria, la descrizione incisiva dei fenomeni
naturali, e soprattutto il racconto travolgente dei miti e
la proclamazione alta e forte della propria poesia. Pindaro
si sente – è – aquila che vola in grandi cerchi e tutto
vede e ai singoli oggetti mira sul terreno sottostante.
Oppure saetta che rapida colpisce il bersaglio, il «punto», come parola alata. «Per me la Musa nutre di vigore
/ il dardo più robusto», dice proprio nell’Olimpica I;
e nell’Olimpica II, rivendicando con orgoglio la propria
aristocratica sapienza «da natura»: «Ho sotto il braccio
/ nella mia faretra / molte rapide frecce / che parlano
a chi le intende». «Forti colpi di vento in alto levano /
per le distese delle nubi il cigno / Tebano», dice Orazio
di Pindaro, dopo averlo paragonato a un torrente che
precipita dal monte straripando. Dal Rinascimento in
poi la poesia europea – da Ronsard a Milton, da Hölderlin
a Shelley e Lermontov – non lo dimenticherà mai.

Pindaro

Pindaro, poeta greco del V secolo a.C., fu considerato inimitabile nel suo modo fantasioso e originale di comporre, tanto che il suo influsso giunge sino alla poesia moderna e a poeti come Goethe.


Altri libri dello stesso autore

The Passage: la serie tv tratta dal romanzo

Dal libro alla serie tv su Fox Se siete pronti a lasciarvi trascinare in un futuro post-apocalittico, non potete perdervi…

Nati altrove: da Giuseppe Ungaretti a Helena Janeczek

6-8 febbraio 2019 - Università La Sapienza Nomadismo culturale, identità e disidentità, lingua dell’esilio, saranno alcuni dei temi del convegno…

Anne Frank: il talento di una scrittrice in erba

Una nuova traduzione delle due stesure del diario di Anne Frank Anne Frank tenne un diario dal giugno 1942 all’agosto…

De André: un libro per sentire di nuovo la sua voce

20 anni senza Faber 20 anni fa ci lasciava Fabrizio De André, forse il più grande cantautore italiano di sempre, diventato…

Pinketts, cantore della Milano nera

12 agosto 1961 - 20 dicembre 2018 La Milano noir surreale e strampalata saluta il suo cantore Andrea G. Pinketts…

Osho ci indica come "Tornare alla Sorgente"

La sorgente interiore La dimensione interiore è un luogo sovraffollato da tutto ciò che neghiamo di noi stessi, ed è…

Luigi Santucci: il testimone della gioia

Il centenario della nascita di Luigi Santucci La figura di Luigi Santucci «scrittore di vocazione e di professione» va prendendo sempre…

"La lucina" di Antonio Moresco diventa film

La Lucina Antonio Moresco, oggi in Italia uno dei più importanti autori letterari, interpreta il ruolo del protagonista del romanzo…

"Nessuno come noi": dal libro al film

Dal 18 ottobre al cinema Ambientato nella Torino degli anni Ottanta, quando i cappotti avevano le spalline e non esistevano social…

Star Wars Reads: gli eventi nelle librerie

Ottobre: il mese di Star Wars Reads Dal 2012 ogni ottobre si festeggia Star Wars Reads: per tutto il mese si…

Osho: Meditazione e Liberi di Essere

6 e 7 ottobre a Milano Liberi di Essere, è un grande evento di meditazione cittadino nato nel 2007 a…

Le Olimpiche

Pindaro

Le Olimpiche

ISBN: 9788804627128
736 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 12,5 x 19,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 17 settembre 2013

Disponibile su: