Le Olimpiche

Le Olimpiche

«Ottima è l’acqua e l’oro / come fuoco che avvampa / rifulge nella notte / più di ogni superba ricchezza.» È l’apertura dell’Olimpica I, «il più bello fra tutti i canti», come di essa scriveva Luciano sei secoli dopo la sua composizione. Un inizio solenne, nel quale regnano la trasparenza e il bagliore: quelli che più tardi si sarebbero riassunti nella parola claritas. E che subito riverberano nei versi successivi, nei quali splende l’astro fulgido del sole che arde «nell’etere deserto». A voler cantare gli agoni, sostiene Pindaro, si deve per forza scegliere i migliori, le Olimpiadi: che sono come l’acqua, l’oro, il fuoco, il sole, e che ebbero luogo in Grecia per oltre mille anni, dal 776 a.C. a quel 393 d.C. nel quale l’imperatore Teodosio e il vescovo Ambrogio li proibirono. Pindaro, oltreché delle Pitiche, delle Istmiche e delle Nemee, è anche – nell’immaginazione dei lettori e dei poeti dei due millenni e mezzo che da lui ci separano – il grande poeta, il poeta per eccellenza, delle Olimpiche. Con esse, celebra di volta in volta la vittoria degli atleti nelle gare di Olimpia. Ma i suoi epinici sono famosi per la luce che li pervade, la velocità fulminea dei passaggi tematici (i celebri «voli pindarici») intercalati a brevi sentenze di saggezza, l’esaltazione degli ideali di eroismo e gloria, la descrizione incisiva dei fenomeni naturali, e soprattutto il racconto travolgente dei miti e la proclamazione alta e forte della propria poesia. Pindaro si sente – è – aquila che vola in grandi cerchi e tutto vede e ai singoli oggetti mira sul terreno sottostante. Oppure saetta che rapida colpisce il bersaglio, il «punto», come parola alata. «Per me la Musa nutre di vigore / il dardo più robusto», dice proprio nell’Olimpica I; e nell’Olimpica II, rivendicando con orgoglio la propria aristocratica sapienza «da natura»: «Ho sotto il braccio / nella mia faretra / molte rapide frecce / che parlano a chi le intende». «Forti colpi di vento in alto levano / per le distese delle nubi il cigno / Tebano», dice Orazio di Pindaro, dopo averlo paragonato a un torrente che precipita dal monte straripando. Dal Rinascimento in poi la poesia europea – da Ronsard a Milton, da Hölderlin a Shelley e Lermontov – non lo dimenticherà mai.

Pindaro

Pindaro, poeta greco del V secolo a.C., fu considerato inimitabile nel suo modo fantasioso e originale di comporre, tanto che il suo influsso giunge sino alla poesia moderna e a poeti come Goethe.


Altri libri dello stesso autore

2020: un anno fantastico

Le novità da non perdere in arrivo negli Oscar Fantastica nel 2020 Streghe alla conquista di nuovi regni, eredi al…

La famosa invasione degli orsi in Sicilia: dal libro di Buzzati al film di Mattotti

La famosa invasione degli orsi in Sicilia rivive al cinema e in un'edizione speciale Oscar in uscita prossimamenteCi sono storie che attraversano…

'L’ufficiale e la spia' di Robert Harris arriva al cinema con la regia di Roman Polanski, distribuito da 01 Distribution.

Nelle sale italiane dal 21 novembre il film tratto dal romanzo di successo dello scrittore britannico

Lina Wertmüller: avventure di una "ragazza romana che ne ha fatte di tutti i colori"

La biografia di Lina Wertmüller aggiornata in occasione dell'Oscar alla carriera "È una festa la vita: viviamola insieme!".  È quello che Federico…

50 anni senza Jack Kerouac: libri e vita di una leggenda della letteratura americana

Il 21 ottobre del 1969 a St Petersburg, Florida, moriva Jack Kerouac, leggenda della letteratura americana e figura dominante della beat generation. 47…

Le donne valorose di Serena Dandini arrivano su Sky Arte

Qualcuno, io dico, si ricorderà di noi nel futuro. Saffo "È facile per una donna essere valorosa", scrive Serena Dandini. L'unico inconveniente…

George Orwell: la letteratura è una palestra di libertà

Ci sono scrittori che hanno intrecciato a tal punto letteratura e vita, da rendere quasi impossibile distinguere oggi l'uomo dal…

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le Olimpiche

Pindaro

Le Olimpiche

ISBN: 9788804627128
736 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 12,5 x 19,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 17 settembre 2013

Disponibile su: