Le Olimpiche

Le Olimpiche

«Ottima è l’acqua e l’oro / come fuoco che avvampa /
rifulge nella notte / più di ogni superba ricchezza.» È
l’apertura dell’Olimpica I, «il più bello fra tutti i canti», come di essa scriveva Luciano sei secoli dopo la sua
composizione. Un inizio solenne, nel quale regnano la
trasparenza e il bagliore: quelli che più tardi si sarebbero
riassunti nella parola claritas. E che subito riverberano
nei versi successivi, nei quali splende l’astro fulgido
del sole che arde «nell’etere deserto». A voler cantare
gli agoni, sostiene Pindaro, si deve per forza scegliere
i migliori, le Olimpiadi: che sono come l’acqua, l’oro,
il fuoco, il sole, e che ebbero luogo in Grecia per oltre
mille anni, dal 776 a.C. a quel 393 d.C. nel quale l’imperatore
Teodosio e il vescovo Ambrogio li proibirono.
Pindaro, oltreché delle Pitiche, delle Istmiche e delle
Nemee, è anche – nell’immaginazione dei lettori e dei
poeti dei due millenni e mezzo che da lui ci separano
– il grande poeta, il poeta per eccellenza, delle Olimpiche.
Con esse, celebra di volta in volta la vittoria degli
atleti nelle gare di Olimpia. Ma i suoi epinici sono famosi
per la luce che li pervade, la velocità fulminea dei
passaggi tematici (i celebri «voli pindarici») intercalati
a brevi sentenze di saggezza, l’esaltazione degli ideali
di eroismo e gloria, la descrizione incisiva dei fenomeni
naturali, e soprattutto il racconto travolgente dei miti e
la proclamazione alta e forte della propria poesia. Pindaro
si sente – è – aquila che vola in grandi cerchi e tutto
vede e ai singoli oggetti mira sul terreno sottostante.
Oppure saetta che rapida colpisce il bersaglio, il «punto», come parola alata. «Per me la Musa nutre di vigore
/ il dardo più robusto», dice proprio nell’Olimpica I;
e nell’Olimpica II, rivendicando con orgoglio la propria
aristocratica sapienza «da natura»: «Ho sotto il braccio
/ nella mia faretra / molte rapide frecce / che parlano
a chi le intende». «Forti colpi di vento in alto levano /
per le distese delle nubi il cigno / Tebano», dice Orazio
di Pindaro, dopo averlo paragonato a un torrente che
precipita dal monte straripando. Dal Rinascimento in
poi la poesia europea – da Ronsard a Milton, da Hölderlin
a Shelley e Lermontov – non lo dimenticherà mai.

Pindaro

Pindaro, poeta greco del V secolo a.C., fu considerato inimitabile nel suo modo fantasioso e originale di comporre, tanto che il suo influsso giunge sino alla poesia moderna e a poeti come Goethe.


Altri libri dello stesso autore

Escobar - il fascino del male al cinema

Due premi Oscar in un film su Pablo Escobar Se avete amato la serie su Netflix Narcos (dove El Patrón…

I 90 anni di un Maestro di poesia: Giancarlo Majorino

Majorino e la gioia di vivere Giancarlo Majorino © www.patrialetteratura.com Sabato 7 aprile Giancarlo Majorino ha compiuto novant’anni. Amici e…

Femmes Magnifiques: un'antologia a fumetti

50 donne magnifiche che hanno cambiato il mondo Hanno cambiato il mondo attraverso il lavoro, l’arte, la scienza, l’impegno politico,…

Al cinema "Succede", dal romanzo di Sofia Viscardi

Succede. E nulla sarà come prima Ad ottobre avevamo dato l'anticipazione delle riprese a Milano del film Succede. E nulla…

"Nelle pieghe del tempo": un film e un fumetto

Il graphic novel Oscar Ink pubblica in Italia il graphic novel di Nelle pieghe del tempo, adattamento del romanzo di…

"American Gods" diventa un graphic novel

Il capolavoro del gothic fantasy contemporaneo per la prima volta a fumetti Arriva in Italia il graphic novel di American…

Osho: da Il mistero femminile al festival annuale

«Io non ti parlo dal punto di vista dell’uomo o da quello della donna, perché le mie parole non provengono…

Campagna Oscar Mondadori: -25% per un mese

Per un mese, dal 9 marzo all'8 aprile TUTTO il catalogo Oscar Mondadori scontato del 25% Gli Oscar sono i…

Diabolik: visto da Sergio Zaniboni

Un volume e una mostra per celebrare due leggende Scomparso nel 2017, Sergio Zaniboni è stato uno dei cartoonist più…

Maria Amelia Monti è Miss Marple a teatro

Miss Marple: Giochi di prestigio Miss Marple, la più famosa detective di Agatha Christie - sale per la prima volta…

George Orwell e "Noi" di Zamjatin

Mi interessano i libri di questo tipo. Prendo appunti. Prima o poi potrei scriverne uno anch’io Scrive così George Orwell…

"Quello che non so di lei", dal 1 marzo al cinema

Il primo marzo arriva nelle sale italiane (01 Distribution), il nuovo film di Roman Polansky Quello che non so di…

Le Olimpiche

Pindaro

Le Olimpiche

ISBN: 9788804627128
736 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 12,5 x 19,5 - Cartonato con sovraccoperta
In vendita da: 17 settembre 2013

Disponibile su: