La natura del bastardo

La natura del bastardo

Un vero e proprio formidabile accendersi, e poi riaccendersi, di frammenti vitali, in un coacervo di esperienze, di impressioni forti e contraddittorie, di amore vario eppure ininterrotto, in un rapporto costante e diretto con il reale, nella contemporaneità, che non lascia tregua al lettore. Davide Rondoni tocca con questo libro il punto di più persuasiva tensione nella sua ricerca poetica, che si propone come fortemente innovativa pur senza programmarsi come tale. Innovativa perché riesce a cogliere, dalla dimensione anche apparentemente banale dell’esistere e dalla normalità del linguaggio piano della comunicazione, gli strumenti e gli spunti per una riflessione implicita continua sulla dimensione umana, non senza i felici effetti di improvvisi stacchi verticali. Rondoni ci offre dunque i suoi viaggi nella quotidianità del molteplice manifestarsi dell’amore, con la capacità di attraversare il buio dell’esperienza e delle cose e di farle trionfare in una sorta di imprevista luce. La luce che squarcia l’opacità apparente dell’esistere. Ed ecco allora che il poeta «cerca la profondità, deflagrazione / dell’essere in tutte le cose». Profondità, beninteso, ricercata in questi versi senz’ombra d’enfasi, ma investigata tra umani errori e cadute, e nondimeno slanci di rinascita. Seguendo in questo anche i percorsi della natura stessa in movimenti sottotraccia che ne coinvolgono insieme splendore e imperfezione. La natura del bastardo è quella del normale essere umano autentico, consapevole dei limiti suoi e della natura e delle sue stesse colpe, eppure in cerca costante di una verità. Una verità del tutto antiretorica, appunto, la verità personale di chi vive in questo mondo con tutti i suoi equivoci e orrori, ma anche disposto a rinascere ogni volta nella meraviglia che sempre si rinnova dell’esserci e osservare, da dentro, il creato nella sua energia oscura. Rondoni passa per luoghi svariati di questo rimpicciolito mondo, coinvolge i vertici dell’umana storia culturale e transita per bar, discoteche, ipermercati senza negarsi alla sempre più pervasiva trafila del moderno anche tecnologico. Scrive con grande libertà espressiva, tra sprezzature, momenti di lirica compostezza e sprazzi espressionistici. Ed è, per nostra fortuna, uomo di sentimento, che si interroga, certo, ma che soprattutto sa far circolare il proprio senso inquieto dell’esistere nella pasta densissima e variegata dei propri versi.

Davide Rondoni

Davide Rondoni è nato a Forlì nel 1964. Tra i suoi libri di poesia: La frontiera delle ginestre (1985), O les invalides (1988), A rialzare i capi pioventi (1991), Nel tempo delle cose cieche (1995), Il bar del tempo (1999), Avrebbe amato chiunque (2003), Compianto, vita (2004), oltre a numerose altre opere in versi per la scena o dedicate ad opere d'arte, come Il veleno, l'arte (2005), Vorticosa, dipinta (2006) e Dalle linee della mano (2007). Ha tradotto I fiori del male di Baudelaire (1995) e Una stagione all'inferno di Rimbaud (1997).
Per la saggistica letteraria e di intervento: Non una vita soltanto (2001), La parola accesa (2006), Il fuoco della poesia (2008). Ha curato diverse antologie ed è autore di testi teatrali e di programmi televisivi. Editorialista di alcuni quotidiani, dirige le collane di poesia di Marietti e Il Saggiatore, la rivista «clanDestino» e il Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna.


Libri della stessa collana

Percy Bisshe Shelley: le "Opere poetiche"

Il primo volume nei Meridiani È in libreria il Meridiano delle Opere poetiche di Percy Bisshe Shelley, primo di due…

1968-2018: 50 anni fa ci lasciava Quasimodo

“Lirici greci” e premio Nobel Quasimodo era un poeta che mi piaceva molto, così lo conobbi e diventammo amici. Lui…

In Oscar Fantastica la trilogia "Broken Earth"

Gli Oscar Mondadori hanno acquisito, in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA), i diritti di pubblicazione per il territorio…

Un libro e un CD per Andrea Pazienza

Trent’anni e non sentirli In occasione del trentennale dalla scomparsa, e a conferma che nonostante tale scomparsa sia ancora artista…

Hemingway e l'esplosione di Bollate

Quell'esplosione, cent'anni fa Il 7 giugno 1918 Un giovanissimo Hemingway, volontario della Croce Rossa, prestò soccorso in occasione dello scoppio…

"Lo sconosciuto": il fumetto nero di Magnus

Ultimo grande fumetto "nero" Ultimo grande fumetto "nero", Lo Sconosciuto è una delle più brillanti intuizioni di Roberto Raviola –…

I “Cento racconti” di Ray Bradbury, “umanista del futuro”

Bradbury, fiore all'occhiello del catalogo Oscar Ray Bradbury, morto a oltre novant’anni il 4 giugno 2012, è stato definito un…

Osho: una vertigine chiamata vita

Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto Chi sei? «Sono semplicemente me stesso; non un profeta, non un messia, non un…

Fruttero&Lucentini: un docufilm su Sky Arte

Fruttero&Lucentini - Basta il nome Venerdì 25 maggio alle 20,20 va in onda su Sky Arte HD il documentario Fruttero&Lucentini…

Goodbye, Philip Roth

Philip Roth 1933-2018 Quella sera lesse qualcosa su la mort de toi, con cui aveva già una certa familiarità, e…

Follett: i 40 anni de "La cruna dell'ago"

Il primo bestseller di Ken Follett compie 40 anni «Avevo ventisette anni quando scrissi "La cruna dell’Ago". Se lo rileggo…

Tom Wolfe, lo scrittore delle vanità

Tom Wolfe (1931-2018) L'inventore della locuzione "radical chic" - che tanta fortuna ha avuto anche in Italia -, Tom Wolfe,…

La natura del bastardo

Davide Rondoni

La natura del bastardo

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804667858
144 pagine
Prezzo: € 18,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 31 ottobre 2016

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852077142
144 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 31 ottobre 2016

Disponibile su: