Dappertutto e rasoterra

Dappertutto e rasoterra

È dal 1967 che, con i suoi rapporti annuali, il Censis fotografa la realtà italiana, fornendo al pubblico uno strumento qualificato e completo per analizzare e interpretare i fenomeni, i processi, le tensioni e i bisogni del paese. Per Giuseppe De Rita, fondatore e presidente del Censis, ripercorrere il lavoro svolto in questi cinquant’anni non è solo ricordare quello che è avvenuto, ma anche «fare memoria» e fare autocoscienza collettiva di quel che siamo stati e di quel che siamo.

È l’autocoscienza collettiva l’obiettivo principale di un istituto di ricerca da sempre privato, autonomo e indipendente. Uno scopo esplicitato soprattutto in quelle Considerazioni generali che hanno aperto ogni rapporto annuale del Censis: agili saggi, innovativi nel lessico e immaginifici nell’uso di metafore memorabili, che offrono le chiavi di lettura dei fatti raccontati dai dati statistici e dei processi sociali di lunga durata. Questo volume raccoglie in un testo organico e completo le Considerazioni scritte da De Rita nell’arco di mezzo secolo: scorrono tra le pagine gli anni della contestazione e del terrorismo, il sommerso e l’esplosione della piccola impresa, la crescita del ceto medio e la vitalità di una società «molecolare» il cui sviluppo si è propagato «dappertutto e rasoterra», tra la fine di un secolo e l’inizio di quello nuovo.

Recensioni

“"Dappertutto e rasoterra" [...] è il titolo del viaggio notturno intrapreso da Giuseppe De Rita, uno degli aruspici più geniali e inventivi che si siano affacciati sulla società italiana scrutandone viscere, circolazione arteriosa, glutine e pulsioni emotive. Un viaggio proustiano intorno al "tempo ritrovato" che dal 1967 al 2016, data di commiato, ha ripercorso mezzo secolo di immersioni nel sottosuolo della società italiana attraverso le analisi del Censis, creatura da lui inventata, sortita dal ventre della Svimez con la missione di accompagnare, affrancandosene, la scienza triste dell'economia nell'esplorazione della complessità sociale, dei suoi enigmi e delle sue talvolta inaccessibili verità.”

Vincenzo Viti, "La Gazzetta del Mezzogiorno" 1 febbraio 2018,

“Giuseppe De Rita ripercorre in queste pagine 50 anni di storia della società italiana e pochi come lui sanno analizzare i grandi e i piccoli mutamenti. Il confronto tra le generazioni, nel corpo della nazione, è uno dei grandi fenomeni e su questo De Rita è illuminante. ”

Mario Ajello, "Il Messaggero" 22 aprile 2018,

Giuseppe De Rita

Roma 1932. Dal 1955 al 1963 è stato alla Svimez, prima come funzionario e dal 1958 come responsabile della sezione sociologica. Nel 1964 è tra i fondatori del Censis, Centro Studi Investimenti Sociali, di cui è stato a lungo segretario generale e che presiede dal 2007.


Libri della stessa collana

L'Edizione Nazionale di Luigi Pirandello

Il connubio tra Oscar Mondadori e l'Edizione Nazionale Nella cornice di eventi per celebrare il 150° Anniversario della nascita di…

I libri bruciano a gradi Fahrenheit 451

"Fahrenheit 451" diventa graphic novel Pubblicato nel 1953, Fahrenheit 451 è uno dei più importanti testi di fantascienza distopica del…

Percy Bisshe Shelley: le "Opere poetiche"

Il primo volume nei Meridiani È in libreria il Meridiano delle Opere poetiche di Percy Bisshe Shelley, primo di due…

1968-2018: 50 anni fa ci lasciava Quasimodo

“Lirici greci” e premio Nobel Quasimodo era un poeta che mi piaceva molto, così lo conobbi e diventammo amici. Lui…

In Oscar Fantastica la trilogia "Broken Earth"

Gli Oscar Mondadori hanno acquisito, in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA), i diritti di pubblicazione per il territorio…

Un libro e un CD per Andrea Pazienza

Trent’anni e non sentirli In occasione del trentennale dalla scomparsa, e a conferma che nonostante tale scomparsa sia ancora artista…

Hemingway e l'esplosione di Bollate

Quell'esplosione, cent'anni fa Il 7 giugno 1918 Un giovanissimo Hemingway, volontario della Croce Rossa, prestò soccorso in occasione dello scoppio…

"Lo sconosciuto": il fumetto nero di Magnus

Ultimo grande fumetto "nero" Ultimo grande fumetto "nero", Lo Sconosciuto è una delle più brillanti intuizioni di Roberto Raviola –…

I “Cento racconti” di Ray Bradbury, “umanista del futuro”

Bradbury, fiore all'occhiello del catalogo Oscar Ray Bradbury, morto a oltre novant’anni il 4 giugno 2012, è stato definito un…

Osho: una vertigine chiamata vita

Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto Chi sei? «Sono semplicemente me stesso; non un profeta, non un messia, non un…

Fruttero&Lucentini: un docufilm su Sky Arte

Fruttero&Lucentini - Basta il nome Venerdì 25 maggio alle 20,20 va in onda su Sky Arte HD il documentario Fruttero&Lucentini…

Goodbye, Philip Roth

Philip Roth 1933-2018 Quella sera lesse qualcosa su la mort de toi, con cui aveva già una certa familiarità, e…

Dappertutto e rasoterra

Giuseppe De Rita

Dappertutto e rasoterra

Collana: Saggi
ISBN: 9788804683469
850 pagine
Prezzo: € 30,00
Formato: 16,0 x 23,0 - Cartonato
In vendita da: 5 dicembre 2017

Disponibile su:

Collana: Saggi
ISBN: 9788852084249
850 pagine
Prezzo: € 8,99
Formato: Ebook
In vendita da: 5 dicembre 2017

Disponibile su: