Libro Da mani mortali Biancamaria Frabotta

Da mani mortali

Con il passare del tempo e dei libri, la poesia di Biancamaria
Frabotta tende a farsi sempre più umanamente
saggia e pacata, sempre più amica e aperta. Lo
si vede nella solida compostezza della pronuncia, nella
capacità matura di saper conciliare il proprio sentimento
dell’esistere con lo sguardo critico della ragione.
Da mani mortali è un’opera in cui la poesia si confronta
sensibilmente con la realtà naturale anche minima
del mondo immediatamente circostante, con il pulsare
e il crescere delle molteplici vite della campagna,
di un semplice orto o di un giardino, sotto il “grande
disordine del cielo”. Un’opera che si confronta, passo
su passo, con la misteriosa intelligenza della natura
e dei suoi vari abitatori: vegetazione e animali di una
vita che si manifesta nell’infinito articolarsi infinitesimale
dei suoi ritmi e delle sue complesse variazioni
stagionali, dei suoi aromi e della sua musica discreta.
Mentre intorno si allarga l’ombra di un’ambigua apparenza
indecifrabile che accoglie nelle sue mutazioni
le tracce non sempre benefiche dell’opera umana, talvolta
irretendola nel sogno di un dio stupito dalla “felice
combinazione” del creato, quasi un adolescente
solitario e immalinconito dalla diffidenza delle sue
creature mortali. E un po’ come il pullulare della vita
in natura è l’esistenza dei poeti, ai quali Biancamaria
Frabotta dedica la sua affettuosa e antiretorica attenzione:
“Sono come le pulci, i poeti / acquattati nel pelo del
mondo”
. Un’attenzione che non ha nulla di narcisistico,
ma che vede nelle figure e nell’opera dei poeti stessi
e nella poesia qualcosa che ricorda quella luce tra i
rami, o quel bagliore lunare, che a volte registra nella
paziente osservazione delle cose che sa compiere e trasformare
nella persuasiva, classica probità felpata della
sua meditazione lirica. I poeti di oggi, ma anche i poeti
di ieri, i grandi che riappaiono come l’amato Giorgio
Caproni. E tutti, con i loro “passi senza importanza”,
nella segreta zoppìa che Agostino diagnosticava in Petrarca,
suo indocile allievo. Ma lo sguardo di Biancamaria
Frabotta riesce insieme, ancora, a concentrarsi
sugli equivoci e sulla violenza della nostra storia contemporanea,
a manifestare la propria morale indignazione,
secondo una linea di poesia civile che è un altro
dei caratteri forti della sua opera, che per la sua pienezza
e forza comunicativa trova in questo nuovo libro la
sua realizzazione al più alto livello.

Biancamaria Frabotta

Biancamaria Frabotta è nata a Roma nel 1946. Insegna Letteratura italiana contemporanea all'università di Roma La Sapienza. Oltre a una vasta attività saggistica ha pubblicato le seguenti raccolte di poesia: Il rumore bianco (1982), Appunti di volo e altre poesie (1985), Controcanto al chiuso (1991), La viandanza (1995), Terra contigua (1° edizione 1999, 2° edizione 2011), La pianta del pane (2003), Gli eterni lavori (2005), I nuovi climi (2007). Nel 2004 ha tradotto (con Bruno Mazzoni) l'antologia poetica di Ana Blandiana, Un tempo gli alberi avevano gli occhi, e nel 2009 il volume di memorie e di riflessioni Quartetto per masse e voce sola.


Libri della stessa collana

L’enigma della Corea del Nord

La questione nordcoreana da circa 70 anni rappresenta uno dei nodi irrisolti delle relazioni internazionali e negli ultimi mesi, in…

"La soffitta" di AkaB e Squaz

La soffitta di AkaB e Squaz torna in libreria grazie a una nuova edizione Mondadori Oscar Ink. Ormai introvabile –…

A Luca Crescenzi la Thomas Mann Medaille

Luca Crescenzi è il primo studioso non tedesco a ricevere la prestigiosa Thomas-Mann-Medaille, onorificenza che viene conferita dalla Thomas-Mann-Gesellschaft per…

Buon compleanno, Calvino!

Buon Compleanno! Il 15 ottobre è il compleanno di Italo Calvino: nato nel 1923, avrebbe oggi 94 anni. Compiono gli…

"Succede" diventa film

Iniziano le riprese per il film tratto dal bestseller di Sofia Viscardi Al via il 16 ottobre le riprese di…

"Uomini e no" a teatro

Dal 24 ottobre al 19 novembre un gruppo di giovani attori mette in scena a Milano al Piccolo Teatro UOMINI E NO…

Lovercraft, il mito

In un suo famoso saggio, Supernatural Horror in Literature, Howard Phillips Lovecraft dichiara:“Il sentimento più forte e più antico del…

Il vampiro secondo Martin

Stazza imponente, diciotto caldaie, intarsi sui ponti e grandi ruote a pale che divorano il fiume come mai si era…

Che Guevara: fino alla vittoria, sempre

Queste sarebbero state le ultime parole di Ernesto Che Guevara il 9 ottobre di 50 anni fa, in un piccolo…

"Moby Dick" diventa fumetto

Arriva in libreria e fumetteria Moby Dick, bande dessinée dell’autore francese Christophe Chabouté. Il fumetto è tratto dall’immortale opera di Herman…

Trono di Spade? Meglio Twin Peaks

Articolo tratto dalla pagina Facebook Oscar Vault La settima stagione di Game of Thrones è finita, ed è tempo di bilanci.…

Nasce “Oscar 451”, libri che bruciano

Nel 2008 viene lanciata negli Oscar la collana Contemporanea per dare agli autori letterari di oggi pubblicati dalla Mondadori una…

Da mani mortali

Biancamaria Frabotta

Da mani mortali

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804620358
176 pagine
Prezzo: € 15,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 7 febbraio 2012

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852022821
176 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 7 febbraio 2012

Disponibile su: