Da mani mortali

Da mani mortali

Con il passare del tempo e dei libri, la poesia di Biancamaria Frabotta tende a farsi sempre più umanamente saggia e pacata, sempre più amica e aperta. Lo si vede nella solida compostezza della pronuncia, nella capacità matura di saper conciliare il proprio sentimento dell’esistere con lo sguardo critico della ragione. Da mani mortali è un’opera in cui la poesia si confronta sensibilmente con la realtà naturale anche minima del mondo immediatamente circostante, con il pulsare e il crescere delle molteplici vite della campagna, di un semplice orto o di un giardino, sotto il “grande disordine del cielo”. Un’opera che si confronta, passo su passo, con la misteriosa intelligenza della natura e dei suoi vari abitatori: vegetazione e animali di una vita che si manifesta nell’infinito articolarsi infinitesimale dei suoi ritmi e delle sue complesse variazioni stagionali, dei suoi aromi e della sua musica discreta. Mentre intorno si allarga l’ombra di un’ambigua apparenza indecifrabile che accoglie nelle sue mutazioni le tracce non sempre benefiche dell’opera umana, talvolta irretendola nel sogno di un dio stupito dalla “felice combinazione” del creato, quasi un adolescente solitario e immalinconito dalla diffidenza delle sue creature mortali. E un po’ come il pullulare della vita in natura è l’esistenza dei poeti, ai quali Biancamaria Frabotta dedica la sua affettuosa e antiretorica attenzione: “Sono come le pulci, i poeti / acquattati nel pelo del mondo”. Un’attenzione che non ha nulla di narcisistico, ma che vede nelle figure e nell’opera dei poeti stessi e nella poesia qualcosa che ricorda quella luce tra i rami, o quel bagliore lunare, che a volte registra nella paziente osservazione delle cose che sa compiere e trasformare nella persuasiva, classica probità felpata della sua meditazione lirica. I poeti di oggi, ma anche i poeti di ieri, i grandi che riappaiono come l’amato Giorgio Caproni. E tutti, con i loro “passi senza importanza”, nella segreta zoppìa che Agostino diagnosticava in Petrarca, suo indocile allievo. Ma lo sguardo di Biancamaria Frabotta riesce insieme, ancora, a concentrarsi sugli equivoci e sulla violenza della nostra storia contemporanea, a manifestare la propria morale indignazione, secondo una linea di poesia civile che è un altro dei caratteri forti della sua opera, che per la sua pienezza e forza comunicativa trova in questo nuovo libro la sua realizzazione al più alto livello.

Biancamaria Frabotta

Biancamaria Frabotta è nata a Roma, dove vive, nel 1946. Ha insegnato Letteratura italiana contemporanea alla Sapienza di Roma, ha scritto poesia, narrativa e critica letteraria. Tra i suoi libri di poesia: Il rumore bianco (Feltrinelli 1982), La viandanza (Mondadori 1995, Premio Montale), La pianta del pane (Mondadori 2003), I nuovi climi (Stampa 2007), Da mani mortali (Mondadori 2012).


Altri libri dello stesso autore

Libri della stessa collana

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le antologie curate da Asimov in una nuova edizione nel 2020

Appassionati di fantascienza a raccolta A partire dal 2020, anno del centenario di Isaac Asimov, approderanno negli Oscar Draghi le…

Negli Oscar c'è: tutti i titoli a -25% dal 2 agosto al 1 settembre

Negli Oscar c'è! Classici e saggi storici, graphic novel e saghe fantasy, gialli e manuali di benessere: se stai cercando…

'Fontamara' di Silone rivive quest'estate in una maratona di lettura

Dopo il grandioso murales di Fontamara, le parole di Ignazio Silone rivivono ad Aielli Le parole degli scrittori a volte devono uscire dai…

Antonio Dikele Distefano: dal libro alla serie su Netflix

Dopo Non ho mai avuto la mia età, Antonio Dikele Distefano approda su Netflix Antonio Dikele Distefano, scrittore italiano di…

'Le ali sotto ai piedi' di Cesare Cremonini torna in libreria

50 Special, Qualcosa di grande, Un giorno migliore, Vorrei, Niente di più, Resta con me, Cara Maggie, Silvia stai dormendo sono solo alcuni dei capitoli di una storia…

Agatha Christie: la Regina del delitto

Signora del giallo, regina del delitto Agatha Christie è la più famosa giallista al mondo, e una delle più prolifiche…

"Good Omens", l'Apocalisse inizia il 31 maggio 2019

Michael Sheen è Azraphel, un angelo in incognito; David Tennant è Crowley, un diavolo minore; Benedict Cumberbatch è Satana; Frances McDormand interpreta Dio. Good Omens,…

20 maggio 2019: Addio a Nanni Balestrini

Impegno artistico e civile: Nanni Balestrini   bisogna andarsene da qui abitare il mondo intero non frammenti separati del mondo…

Da mani mortali

Biancamaria Frabotta

Da mani mortali

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804620358
176 pagine
Prezzo: € 15,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura con alette
In vendita da: 7 febbraio 2012

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852022821
176 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 7 febbraio 2012

Disponibile su: