Alla luce del sole

Alla luce del sole

La preziosa stoffa del narratore, di quel grande affabulatore che è Vincenzo Cerami, si ritrova nei mille rivoli e nella folla di sentimenti che percorrono queste poesie, Alla luce del sole. Cerami è volta a volta cupo, solare, aggressivo, gioioso, risentito, tenero… Vive con passione nel presente, ma porta in sé il senso debordante di un passato carico di eventi e storie, di circostanze ritagliate da una memoria personale sempre attiva. Eppure, ci dice, in versi di singolare energia concreta: «la memoria è una casa inabitabile / con tartarughe morte, orologi rugginosi, / tovaglie di perline stinte, trottole / di legno marcito, sedie rovesciate, / stemmi caduti dal chiodo, e una panca / rimasta intatta, di legno greggio». Un campionario di residui, di oggetti ai quali il poeta peraltro non vuole affatto solo abbandonarsi, lontanissimo com’è da ogni possibile cedimento crepuscolare. E infatti afferma: «Ogni mattina di me amo i più remoti futuri / e a sera rimpiango i futuri remoti». Insomma, questi nuovi versi di Cerami sono attraversati da una vitalità quanto mai intensa, anche se il suo è sempre un atto d’amore, nei confronti della vita, perfettamente consapevole della sua provvisorietà, del suo rapido andarsene: «ho bisogno d’olezzo di morte / per parlare della vita». La quale, del resto, è da lui intesa come «tabula lusoria», e dunque come un formidabile quanto sempre rischioso puzzle, come un gioco senza soste fino al definitivo alt. Un gioco che nel suo testo si svolge in una notevole varietà ambientale, anche se Roma ne è pur sempre lo scenario maggiore. E con una ricca varietà di personaggi, a volte affioranti come interlocutori muti, come ombre o semplici comparse, a volte riemersi dal passato degli affetti, come nella emozionante sezione intitolata Padri. A volte, invece, sono figure proposte nell’affermarsi della loro presenza stagliata, come nel gioco e nell’abilità atletica e nei salti mortali di un personaggio – atleta, acrobata, artista – che replica la grandezza di Faillo di Crotone, il vincitore dei Giochi Pitici. Cerami si muove dunque con estro sempre aperto, generosissimo, servendosi di ritmi e forme metriche diverse, realizzando un libro di non comune potenza comunicativa, concluso con un poemetto di dolente affetto antiretorico sulle meraviglie e lo scempio del nostro paese, della nostra Italia.

Vincenzo Cerami

Vincenzo Cerami (Roma, 2 novembre 1940 ¿ 17 luglio 2013). Tra le sue opere letterarie si ricordano i romanzi Un borghese piccolo piccolo, Amorosa presenza, Tutti cattivi, Ragazzo di vetro, La lepre, Fantasmi, L'incontro, Vite bugiarde; il poema narrativo Addio Lenin; i tre libri di racconti L'ipocrita, La gente, La sindrome di Tourette; il saggio Consigli a un giovane scrittore; il racconto di quattro delitti italiani Fattacci; la raccolta di elzeviri, racconti e articoli Pensieri così; la storia a fumetti Gli occhi di Pandora per Milo Manara. Poeta, giornalista e sceneggiatore, Cerami ha lavorato per registi come Gianni Amelio, Sergio Citti, Marco Bellocchio, Giuseppe Bertolucci e Roberto Benigni. È anche autore di testi teatrali in prosa e in versi, spesso in collaborazione con il maestro Nicola Piovani.


Libri della stessa collana

50 anni senza Jack Kerouac: libri e vita di una leggenda della letteratura americana

Il 21 ottobre del 1969 a St Petersburg, Florida, moriva Jack Kerouac, leggenda della letteratura americana e figura dominante della beat generation. 47…

Le donne valorose di Serena Dandini arrivano su Sky Arte

Qualcuno, io dico, si ricorderà di noi nel futuro. Saffo "È facile per una donna essere valorosa", scrive Serena Dandini. L'unico inconveniente…

George Orwell: la letteratura è una palestra di libertà

Ci sono scrittori che hanno intrecciato a tal punto letteratura e vita, da rendere quasi impossibile distinguere oggi l'uomo dal…

'Nervernight' di Jay Kristoff: l'accoglienza dei lettori e l'arrivo dell'autore in Italia

Jay Kristoff ManiaC'è chi è più colpito dai dettagli nero e oro delle mappe, chi dal cartonato interno, chi dai coloratissimi…

Il coraggio di dire 'Adesso basta': la nuova edizione del best seller di Simone Perotti

Adesso basta esce in una nuova edizione con nuova introduzione dell'autore Dieci anni è un intervallo di tempo in cui sta dentro un…

'Jack Frusciante è uscito dal gruppo': 25 anni di un romanzo manifesto

Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il primo romanzo di Enrico Brizzi, quest'anno festeggia un compleanno importante: i 25 anni.  Libro icona pubblicato…

'Helter Skelter': il libro-verità sul caso Manson che ha ispirato Tarantino

È la notte di sabato 9 agosto 1969. La casa al numero 10050 di Cielo Drive è immersa nel buio e nel…

'Gideon': annunciato per Oscar Fantastica uno dei romanzi più pirotecnici del momento

The Emperor needs necromancers. The Ninth Necromancer needs a swordswoman. Gideon has a sword, some dirty magazines, and no more…

Le antologie curate da Asimov in una nuova edizione nel 2020

Appassionati di fantascienza a raccolta A partire dal 2020, anno del centenario di Isaac Asimov, approderanno negli Oscar Draghi le…

George Orwell su verità e menzogna

Dal 1934 alle soglie degli anni '50 George Orwell scrisse una serie di illuminanti riflessioni su quello che può considerarsi…

Negli Oscar c'è: tutti i titoli a -25% dal 2 agosto al 1 settembre

Negli Oscar c'è! Classici e saggi storici, graphic novel e saghe fantasy, gialli e manuali di benessere: se stai cercando…

'Fontamara' di Silone rivive quest'estate in una maratona di lettura

Dopo il grandioso murales di Fontamara, le parole di Ignazio Silone rivivono ad Aielli Le parole degli scrittori a volte devono uscire dai…

Alla luce del sole

Vincenzo Cerami

Alla luce del sole

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804628019
160 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura
In vendita da: 26 febbraio 2013

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852035470
160 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 16 aprile 2013

Disponibile su: