Alla luce del sole

Alla luce del sole

La preziosa stoffa del narratore, di quel grande affabulatore
che è Vincenzo Cerami, si ritrova nei mille rivoli
e nella folla di sentimenti che percorrono queste
poesie, Alla luce del sole. Cerami è volta a volta cupo,
solare, aggressivo, gioioso, risentito, tenero… Vive con
passione nel presente, ma porta in sé il senso debordante
di un passato carico di eventi e storie, di circostanze
ritagliate da una memoria personale sempre
attiva. Eppure, ci dice, in versi di singolare energia
concreta: «la memoria è una casa inabitabile / con tartarughe
morte, orologi rugginosi, / tovaglie di perline
stinte, trottole / di legno marcito, sedie rovesciate, /
stemmi caduti dal chiodo, e una panca / rimasta intatta,
di legno greggio». Un campionario di residui,
di oggetti ai quali il poeta peraltro non vuole affatto
solo abbandonarsi, lontanissimo com’è da ogni possibile
cedimento crepuscolare. E infatti afferma: «Ogni
mattina di me amo i più remoti futuri / e a sera rimpiango
i futuri remoti». Insomma, questi nuovi versi
di Cerami sono attraversati da una vitalità quanto
mai intensa, anche se il suo è sempre un atto d’amore,
nei confronti della vita, perfettamente consapevole
della sua provvisorietà, del suo rapido andarsene:
«ho bisogno d’olezzo di morte / per parlare della
vita». La quale, del resto, è da lui intesa come «tabula
lusoria», e dunque come un formidabile quanto sempre
rischioso puzzle, come un gioco senza soste fino al
definitivo alt. Un gioco che nel suo testo si svolge in
una notevole varietà ambientale, anche se Roma ne
è pur sempre lo scenario maggiore. E con una ricca
varietà di personaggi, a volte affioranti come interlocutori
muti, come ombre o semplici comparse, a volte
riemersi dal passato degli affetti, come nella emozionante
sezione intitolata Padri. A volte, invece, sono
figure proposte nell’affermarsi della loro presenza stagliata,
come nel gioco e nell’abilità atletica e nei salti mortali di un personaggio – atleta, acrobata, artista –
che replica la grandezza di Faillo di Crotone, il vincitore
dei Giochi Pitici. Cerami si muove dunque con
estro sempre aperto, generosissimo, servendosi di ritmi
e forme metriche diverse, realizzando un libro di
non comune potenza comunicativa, concluso con un
poemetto di dolente affetto antiretorico sulle meraviglie
e lo scempio del nostro paese, della nostra Italia.

Vincenzo Cerami

Vincenzo Cerami (Roma, 2 novembre 1940 ¿ 17 luglio 2013). Tra le sue opere letterarie si ricordano i romanzi Un borghese piccolo piccolo, Amorosa presenza, Tutti cattivi, Ragazzo di vetro, La lepre, Fantasmi, L'incontro, Vite bugiarde; il poema narrativo Addio Lenin; i tre libri di racconti L'ipocrita, La gente, La sindrome di Tourette; il saggio Consigli a un giovane scrittore; il racconto di quattro delitti italiani Fattacci; la raccolta di elzeviri, racconti e articoli Pensieri così; la storia a fumetti Gli occhi di Pandora per Milo Manara. Poeta, giornalista e sceneggiatore, Cerami ha lavorato per registi come Gianni Amelio, Sergio Citti, Marco Bellocchio, Giuseppe Bertolucci e Roberto Benigni. È anche autore di testi teatrali in prosa e in versi, spesso in collaborazione con il maestro Nicola Piovani.


Libri della stessa collana

L'Edizione Nazionale di Luigi Pirandello

Il connubio tra Oscar Mondadori e l'Edizione Nazionale Nella cornice di eventi per celebrare il 150° Anniversario della nascita di…

I libri bruciano a gradi Fahrenheit 451

"Fahrenheit 451" diventa graphic novel Pubblicato nel 1953, Fahrenheit 451 è uno dei più importanti testi di fantascienza distopica del…

Percy Bisshe Shelley: le "Opere poetiche"

Il primo volume nei Meridiani È in libreria il Meridiano delle Opere poetiche di Percy Bisshe Shelley, primo di due…

1968-2018: 50 anni fa ci lasciava Quasimodo

“Lirici greci” e premio Nobel Quasimodo era un poeta che mi piaceva molto, così lo conobbi e diventammo amici. Lui…

In Oscar Fantastica la trilogia "Broken Earth"

Gli Oscar Mondadori hanno acquisito, in accordo con Piergiorgio Nicolazzini Literary Agency (PNLA), i diritti di pubblicazione per il territorio…

Un libro e un CD per Andrea Pazienza

Trent’anni e non sentirli In occasione del trentennale dalla scomparsa, e a conferma che nonostante tale scomparsa sia ancora artista…

Hemingway e l'esplosione di Bollate

Quell'esplosione, cent'anni fa Il 7 giugno 1918 Un giovanissimo Hemingway, volontario della Croce Rossa, prestò soccorso in occasione dello scoppio…

"Lo sconosciuto": il fumetto nero di Magnus

Ultimo grande fumetto "nero" Ultimo grande fumetto "nero", Lo Sconosciuto è una delle più brillanti intuizioni di Roberto Raviola –…

I “Cento racconti” di Ray Bradbury, “umanista del futuro”

Bradbury, fiore all'occhiello del catalogo Oscar Ray Bradbury, morto a oltre novant’anni il 4 giugno 2012, è stato definito un…

Osho: una vertigine chiamata vita

Autobiografia di un mistico spiritualmente scorretto Chi sei? «Sono semplicemente me stesso; non un profeta, non un messia, non un…

Fruttero&Lucentini: un docufilm su Sky Arte

Fruttero&Lucentini - Basta il nome Venerdì 25 maggio alle 20,20 va in onda su Sky Arte HD il documentario Fruttero&Lucentini…

Goodbye, Philip Roth

Philip Roth 1933-2018 Quella sera lesse qualcosa su la mort de toi, con cui aveva già una certa familiarità, e…

Alla luce del sole

Vincenzo Cerami

Alla luce del sole

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804628019
160 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura
In vendita da: 26 febbraio 2013

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852035470
160 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 16 aprile 2013

Disponibile su: