Alla luce del sole

Alla luce del sole

La preziosa stoffa del narratore, di quel grande affabulatore
che è Vincenzo Cerami, si ritrova nei mille rivoli
e nella folla di sentimenti che percorrono queste
poesie, Alla luce del sole. Cerami è volta a volta cupo,
solare, aggressivo, gioioso, risentito, tenero… Vive con
passione nel presente, ma porta in sé il senso debordante
di un passato carico di eventi e storie, di circostanze
ritagliate da una memoria personale sempre
attiva. Eppure, ci dice, in versi di singolare energia
concreta: «la memoria è una casa inabitabile / con tartarughe
morte, orologi rugginosi, / tovaglie di perline
stinte, trottole / di legno marcito, sedie rovesciate, /
stemmi caduti dal chiodo, e una panca / rimasta intatta,
di legno greggio». Un campionario di residui,
di oggetti ai quali il poeta peraltro non vuole affatto
solo abbandonarsi, lontanissimo com’è da ogni possibile
cedimento crepuscolare. E infatti afferma: «Ogni
mattina di me amo i più remoti futuri / e a sera rimpiango
i futuri remoti». Insomma, questi nuovi versi
di Cerami sono attraversati da una vitalità quanto
mai intensa, anche se il suo è sempre un atto d’amore,
nei confronti della vita, perfettamente consapevole
della sua provvisorietà, del suo rapido andarsene:
«ho bisogno d’olezzo di morte / per parlare della
vita». La quale, del resto, è da lui intesa come «tabula
lusoria», e dunque come un formidabile quanto sempre
rischioso puzzle, come un gioco senza soste fino al
definitivo alt. Un gioco che nel suo testo si svolge in
una notevole varietà ambientale, anche se Roma ne
è pur sempre lo scenario maggiore. E con una ricca
varietà di personaggi, a volte affioranti come interlocutori
muti, come ombre o semplici comparse, a volte
riemersi dal passato degli affetti, come nella emozionante
sezione intitolata Padri. A volte, invece, sono
figure proposte nell’affermarsi della loro presenza stagliata,
come nel gioco e nell’abilità atletica e nei salti mortali di un personaggio – atleta, acrobata, artista –
che replica la grandezza di Faillo di Crotone, il vincitore
dei Giochi Pitici. Cerami si muove dunque con
estro sempre aperto, generosissimo, servendosi di ritmi
e forme metriche diverse, realizzando un libro di
non comune potenza comunicativa, concluso con un
poemetto di dolente affetto antiretorico sulle meraviglie
e lo scempio del nostro paese, della nostra Italia.

Vincenzo Cerami

Vincenzo Cerami (Roma, 2 novembre 1940 ¿ 17 luglio 2013). Tra le sue opere letterarie si ricordano i romanzi Un borghese piccolo piccolo, Amorosa presenza, Tutti cattivi, Ragazzo di vetro, La lepre, Fantasmi, L'incontro, Vite bugiarde; il poema narrativo Addio Lenin; i tre libri di racconti L'ipocrita, La gente, La sindrome di Tourette; il saggio Consigli a un giovane scrittore; il racconto di quattro delitti italiani Fattacci; la raccolta di elzeviri, racconti e articoli Pensieri così; la storia a fumetti Gli occhi di Pandora per Milo Manara. Poeta, giornalista e sceneggiatore, Cerami ha lavorato per registi come Gianni Amelio, Sergio Citti, Marco Bellocchio, Giuseppe Bertolucci e Roberto Benigni. È anche autore di testi teatrali in prosa e in versi, spesso in collaborazione con il maestro Nicola Piovani.


Libri della stessa collana

Commodore 64: Nostalgic Edition

La storia dell’home computer più famoso di sempre Arriva in Italia Commodore 64 – Nostalgic Edition, un testo monumentale che…

"Assassinio sull'Orient Express" dal 30 novembre al cinema

Articolo tratto da Mondadori Store Magazine di Novembre 2017

Osho Festa: la gioia del cambiamento

Hai letto i libri di Osho? ...non fermarti sulla soglia! Dopo la lettura: l'esperienza! Se vuoi passare un Capodanno diverso…

Il Trono di Spade come non l'avete mai visto

Soffiano ancora lontano i “venti dell'inverno”, ma Martin non ci lascia soli: è in libreria una speciale edizione illustrata del…

"Mistero a Crooked House" dal 31 ottobre al cinema

Un giallo alla "Agatha Christie" Pubblicato nel 1949, È un problema era uno dei romanzi preferiti dalla stessa Christie perché affonda…

Ritorna "Il vangelo del coyote"

Una storia nera… per la prima volta a colori Oscar Ink riporta in libreria e fumetteria Il vangelo del coyote,…

Scopri tutti gli eventi OSCAR INK a Lucca Comics & Games 2017

Da mercoledì 1 a domenica 5 novembre si svolgerà nella città toscana il Lucca Comics & Games 2017. Tantissimi gli autori…

Classici: i libri più preziosi, il regalo più amato

Per un mese, dal 27 ottobre al 26 novembre tutti i volumi della collana  I MERIDIANI avranno lo sconto del 25%…

Philip Roth, un classico contemporaneo

Con queste parole, e col passo dello scrittore, Federica Manzon accompagna sul «Piccolo» del 23 ottobre 2017 l’uscita del primo…

A Milano Lino Guanciale per Sandro Penna

Come è forte il rumore dell’alba! Questo è l’incipit di una delle poesie più celebri di Sandro Penna, pubblicata originariamente nella…

L’enigma della Corea del Nord

La questione nordcoreana da circa 70 anni rappresenta uno dei nodi irrisolti delle relazioni internazionali e negli ultimi mesi, in…

Alla luce del sole

Vincenzo Cerami

Alla luce del sole

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788804628019
160 pagine
Prezzo: € 16,00
Formato: 13,5 x 20,5 - Brossura
In vendita da: 26 febbraio 2013

Disponibile su:

Collana: Lo Specchio
ISBN: 9788852035470
160 pagine
Prezzo: € 6,99
Formato: Ebook
In vendita da: 16 aprile 2013

Disponibile su: