Hermann Hesse e la sua patria predestinata: il Ticino

a cura di Redazione Oscar

1919-2019

Cent'anni fa il Ticino diventava la patria predestinata di Hermann Hesse, Premio Nobel per la Letteratura nel 1946.
Dalla fine del XIX secolo il Ticino ha esercitato un grande fascino su molti artisti dal nord delle Alpi. Il clima mite, la natura incontaminata, i variegati paesaggi montani e lacustri offrivano l'ambiente ideale per un lavoro creativo.
Nel maggio 1919, dopo un periodo burrascoso della sua vita, Hesse si trasferì a Montagnola (Lugano) e scrisse agli amici il suo nuovo indirizzo:

Hernann Hesse

Il suo trasferimento in Ticino si può considerare come l’inizio del periodo estremamente prolifico per lo scrittore svizzero. È a Montagnola che, affascinato e ispirato dal Ticino e dai suoi colori e profumi, Hesse ha scritto i suoi capolavori ed è rimasto fino alla morte avvenuta nel 1962.
Quest’anno, 2019, possiamo quindi parlare del centenario della “nascita” di Hesse come grande scrittore universale.

Ticino, patria

Il paesaggio ticinese [...], mi ha sempre attratto e accolto come una patria predestinata, un rifugio agognato. È diventato la mia patria.

Hermann Hesse

Il paesaggio

Hermann Hesse

Casa Camuzzi a Montagnola

Nel 1919 Hesse trovò un appartamento a un prezzo contenuto a Montagnola sulla Collina d'oro, in Casa Camuzzi. Nei primi anni fece molte escursioni a piedi nei dintorni e, munito di cavalletto e seggiolino, trovava spunti per i suoi acquerelli paesaggistici. A Casa Camuzzi scrisse i suoi capolavori: Siddharta e Narciso e Boccadoro.

Hermann Hesse

Hermann Hesse, «Sguardo su Casa Camuzzi», acquerello su carta, 1927
© Hermann Hesse-Editionsarchiv, Offenbach am Main

Dipingere è meraviglioso, rende più lieti e più pazienti. Non si hanno le dita nere dopo, come nello scrivere, ma rosse e blu.

Il Museo a Montagnola

La Fondazione Hermann Hesse Montagnola gestisce dal 2000 il Museo, allestito nelle sale della Torre Camuzzi, adiacente alla casa dove visse lo scrittore.
Una mostra permanente riproduce l'atmosfera in cui visse il poeta per oltre 40 anni in Ticino.
Oggetti personali, come pure numerose fotografie, libri ed acquerelli, danno l'impressione della vita di Hesse. Temi fondamentali, come per esempio l'India oppure la realizzazione dell'opera Il giuoco delle perle di vetro, offrono al visitatore la possibilità di conoscere in maniera più approfondita le differenti fasi dell'attività letteraria dello scrittore.

Oltre all'esposizione permanente, il Museo presenta un vasto programma: mostre temporanee, conferenze, concerti, filmati, passeggiate e letture settimanali in lingua tedesca e italiana, che rendono il museo un centro di incontro vivo per un pubblico internazionale.

Scopri le opere di Hesse negli Oscar Moderni