Bus Crossing: una puntata dedicata agli Oscar del teatro

A bordo del bus di 'Io leggo con te' leggendo capolavori teatrali di ogni tempo

a cura di Redazione Oscar

Qual è il senso profondo del teatro oggi? Come fa questa antica arte a convivere con le forme di intrattenimento contemporanee? E quale può essere il dialogo con le nuove generazioni?
Le risposte a queste domande sono racchiuse nei testi teatrali stessi, tra le righe di personaggi ed emozioni senza tempo che aspettano solo di essere letti, riletti, riscoperti.
Bus Crossing, il format televisivo di Io Leggo con Te dedicato alla promozione della lettura sui mezzi pubblici, ha deciso di portare il teatro a bordo bus ricordandoci quanto può essere attuale il teatro oggi. Dotati del nostro biglietto di appassionati lettori, iniziamo così un viaggio che parte dalla nobile tragedia greca e ci conduce fino agli anni '50, sfogliando le pagine di alcuni capolavori degli Oscar Mondadori. Diventiamo così in un attimo spettatori.


 

Sofocle, Pirandello e Brancati
a bordo di Bus Crossing


 

La prima fermata ci porta al 442 a.C. mentre, ansiosi di capire il senso dell'esistenza umana, ci prepariamo a vedere la prima delle tragedie tebane di Sofocle. Destino, volontà, natura: con le storie di Edipo e di Antigone, uno dei tragediografi più grandi dell'antichità ci ha consegnato una visione della natura umana in bilico tra l'esistenza terrena e la tensione verso il divino. Rileggerle in sequenza significa ritrovarci in un periodo storico di teatrocrazia, cioè in cui la rappresentazione era centrale all'interno della vita politica e sociale.
E ci immedesimiamo in Edipo, scisso protagonista del "primo noir indiziario" della storia che, cercando il colpevole di un delitto, trova una verità su se stesso.

Risaliamo a bordo del bus dei libri che viaggiano liberi e in un attimo siamo nel maggio 1921 al Teatro Valle di Roma, alla prima di Sei personaggi in cerca di autore di Luigi Pirandello.
Tutto a un tratto qualcuno grida "Manicomio! Manicomio!": è una ribellione verso il teatro del futuro che ha fatto la sua comparsa in scena. Con i suoi sei personaggi Pirandello rompe qualsiasi canone esistente, invade lo spazio della platea, ci catapulta in un'atmosfera umoristica da sentimento del contrario. E mentre i protagonisti sembrano perplessi e alla ricerca di una storia, anche noi ci sentiamo smarriti, colpiti nel profondo. Stiamo assistendo a qualcosa di totalmente nuovo e che cambierà per sempre le regole del teatro.


Ancora storditi da mille emozioni, risaliamo sul bus e facciamo un salto in avanti di trent'anni: siamo nel 1952 e Vitaliano Brancati sta componendo i capolavori del suo teatro, raccolti in La governante e altre commedie.
Ma anche qui il mondo sembra non essere ancora pronto per la sua rivoluzione ed ecco che la censura blocca la diffusione dell'opera fino a metà degli anni '60. Non è facile scalfire le convenzioni dei borghesi benpensanti ma Brancati ci ha provato regalandoci un'opera attualissima, novità editoriale nel catalogo degli Oscar Mondadori. La Governante non è solo una commedia sull'omosessualità femminile, è un testo che presenta in filigrana tanti altri temi: la calunnia, l'affermazione di sé, l'inserimento nella società. 

I libri letti su Bus Crossing